menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regionali, ex dirigente del Pd sfida la Marini: Rita Castellani leader della sinistra umbra

Ha presentato la sua lista Possiamo che farà parte della coalizione di sinistra insieme a L'Altra Europa-Umbria. Docente di economica, ex dirigente del Pd in rotta con Renzi su legge elettorale e Job Act. Tutti i rumor la portano alla guida della coalizione. Primo affondo al Governo della Marini

Ha lasciato la direzione nazionale del Pd perchè non ne poteva più del "renzismo rampante". Ha lasciato il Pd perchè tutto si poteva accettare "meno che quel job act" che toglie diritti e futuro. Ha lasciato il Pd perchè non "aveva più senso restare come minoranza in partito dove decide tutto il leader". Ha lasciato il Partito Democratico perchè sogna di contribuire, in Umbria e nel resto d'italia, a far nascere non "una nuova sinistra, ma una sinistra nuova". Ha lasciato il Pd nazionale per via delle leggi elettorali (Italicum e Umbricellum) che allontanano i cittadini alla partecipazione pubblica e che allo stesso tempo "mortificano la democrazia".

Ed ora tutti i rumors, interni ed esterni alla sinistra d'alternativa, la danno in pole-position - per curriculum, coraggio e anche per una dialettica sicuramente accattivante - per essere il candidato alla presidenza della Giunta regionale sostenuta da due movimenti di sinistra: L'Umbria per l'Altra Europa (la nuova dicitura del movimento L'Altra Europa con Tsipras) e Possiamo (che si ispira al movimento di piazza Podemos che sta andando forte in Spagna). La sfidante da sinistra della presidente Catiuscia Marini, al 99 per cento, è la professoressa di economia dell'Università di Perugia, Rita Castellani.

L'ex dirigente nazionale del Pd - area Civati - si è presentata al momento come portavoce della lista Possiamo nel giorno della presentazione del movimento politico. Ma anche la presenza del professor Volpi sembra avallare la sua imminente candidatura. Alla domanda se sarà lei a sfidare la Marini ha così risposto: "Siamo tutti candidabili perchè per formare la sinistra nuova serve coraggio e generosità". Poi aggiunge altro: "Chiunque sarà il candidato presidente non sarà un leader ma un interprete di questo movimento". Tutto ma proprio tutto porta a lei: resta in pista Cajarelli (sindacalista Cgil) ma con sempre meno possibilità. Le parole chiave di Possiamo: lavoro, diritti, umbria solidale, welfare ma anche sviluppo sostenibile, più reddito e una migliore scuola in Umbria.

"La nostra associazione - ha spiegato Rita Castellani - nasce per contribuire ad una proposta di Governo dell'Umbria che sia davvero nell'interesse di tutti noi, cittadini che non intendono venire meno ai doveri, ma neanche a rinunciare i diritti che qualificano una realtà regionale. Cittadini che con molta umiltà e altrettanta determinazione, cercano risposte ai loro bisogni in una sinistra nuova, come avviene in altri Paesi europei. Ci mettiamo da subito a disposizione di un progetto politico che anche in Umbria pretende di farsi subito coalizione elettorale, sulla base di punti programmatici condivisi con le forze che a quell'AltraEuropa hanno già guardato e continuano a guardare".

L'attacco politico più forte della quasi candidata presidente della sinistra è riservato alla Marini e al suo governo: "E' evidente che il modello umbro ha bisogno di un cambiamento significativo dopo tutti i dati negativi riguardanti la nostra economica regionale. Ma questa necessità di cambiamento viene negata dalla presidente Marini che rivendica anzi la continuità con la sua 'buona amministrazione'. Nessuna discontinuità è rivendicata dal Pd, tra Leopolde e piani programmatici della Regione che vengono rinviati al mittente, vuoi dalla Commissione Europea, come è successo con il piano rurale, vuoi dal Governo, per il piano del paesaggio". Il nuovo nemico per il 31 maggio viene da sinistra per il centrosinistra e si va a sommare al Movimento 5 Stelle e la coalizione del cambiamento di Ricci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento