menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

PRIMARIE Il piano della Fioroni: sicurezza e task-force per rilanciare immagine della città

Sicuro, forte e con un programma anche per certi versi innovativo e con poco spazio ai buonismi della vecchia sinistra. Anna Rita Fioroni si presenta ufficialmente alla città di Perugia per cercare di vincere le primarie e correre per le elezioni del 25 maggio

"Cambiare modo di governare, cambiare programma per la città perchè dobbiamo rinnovare Perugia": Anna Rita Fioroni, ex senatrice del Pd e imprenditrice-sfidante alle primarie di marzo (il 2? o il 9?), boccia in toto il sindaco uscente Wladimiro Boccali ma lo fa senza sussulti, isterie e parole grosse. Anzi respinge le provocazioni: "Io non intendo fare delle primarie uno scontro....io dirò il mio programma e non certo dove ha fallito Boccali": ha spiegato l'esponente Pd che ha radunato per una conferenza stampa un pubblico d'eccezione: imprenditori, artigiani, giovani, professionisti e anche esponenti politici dell'area renzi tra cui il potente (in fatto di preferenze) presidente della Giunta provinciale Marco Vinicio Guasticchi. Ma ci sono anche esponenti civatiani - a favore delle primarie - e anche esponenti di spicco dell'Idv come Avia Rossi. Uno schieramento competitivo e che ci proverà a battere Boccali per poi giocarsi tutto il 25 maggio prossimo alle amministrative. 

La Fioroni ha le idee chiare su dove puntare per cercare l'investitura: tasse, sicurezza e merito in chiave anti-clientele tradizionali. Sulle tasse è pronta a gettare via l'odiosa tassa di soggiorno sui turisti - "Non invoglia certamente a scegliere una struttura ricettiva a Perugia" - ed è pronta ad un piano per contenere i balzelli su chi produce e crea lavoro tutti i giorni. Sgravi economici e fiscali per chi deciderà di avviare in centro nuove attività commerciali, artigianali e di servizio.

Sulla sicurezza progetta "un ruolo più attivo e meno burocratico della polizia municipale, nuclei di intervento speciale nelle ore serali e notturne, utilizzo dei più innovativi sistemi di videosorveglianza e l’istituzione di un numero verde e sito internet per segnalazioni; controlli incrociati e lotta agli affitti illegali". 

Ma forse l'idea più forte è quella di una task-force con esperti del settore per rilanciare l'immagine di Perugia in Italia e nel Mondo dopo la droga, i crimini e gli omicidi eccellenti che hanno fatto tanto male al capoluogo. "Ho in mente un nuovo progetto di marketing territoriale e promozionale volto alla definizione di una PERUGIAAFFASCINANTE capace di rappresentare una vera forza attrattiva per residenti e turisti. Il mantenimento di una PERUGIA BELLA passa anche per la tutela del verde pubblico e la lotta al degrado, dalle buche sull’asfalto sino alle scritte sui muri che saranno cancellate". Inoltre una moderna concezione di arredo urbano partirà anche da un nuovo piano investimenti fortemente orientato all’edilizia ecocompatibile e da un corretto piano di illuminazione pubblica secondo criteri di risparmio energetico e funzionalità. Un’adeguata politica in tema di Ambiente, Green Economy, hi-tech e l’individuazione della figura dell’Energy Manager.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento