rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Elezioni comunali 2014

ELEZIONI Sale la voglia di primarie a Perugia: Anna Rita Fioroni si candida

Con una lettera al segretario comunale e al presidente dell'assemblea del Pd, l'ex senatrice Fioroni ha chiesto le primarie in vista delle amministrative di maggio. "Io sono pronta: diamo parola agli elettori se vogliono Boccali o altri"

Ha raccolto le firme dei delegati del partito, ha ascoltato una voce dal basso - area renziana e popolare - che teme una disfatta con la ricandidatura del sindaco Wladimiro Boccali e ora prova ad ottenere quelle primarie che di fatto apriranno, se approvate dall'assemblea comunale del Pd, un'autostrada a candidati anche di maggiore peso (Guasticchi? Cernicchi?).

La mossa del cavallo - come si direbbe a scacchi - arriva dall'ex senatrice Anna Rita Fioroni, l'unica ad aver rinunciata ad un secondo mandato nei palazzi romani. La Fioroni è vicina ad ambiente economici importanti - in cerca di una nuova strategia per uscire dalla crisi - e soprattutto seppur velatamente potrebbe essere l'alfiere dell'area "cattolica" vicina al sottosegretario Gianpiero Bocci. Oggi, comunque, si decide molto per le primarie: prima valutazione dei 5 anni di Boccali e che di fatto apre una discussione sulla necessità delle primarie oppure no.

L'ex senatore Anna Rita Fioroni ha preso carta e penna per una lettera inviata a Francesco Giacopetti, segretario comunale del Pd, e il presidente Fabrizio Bottoni, Presidente dell'Assemblea comunale di Perugia del Partito Democratico. Obiettivo: fare le primarie e salvare il centrosinistra da una eventuale prima storica sconfitta. Non mancano anche passaggi forti e polemici anti-Boccali: "Sono stati anni difficili per Perugia. Dal tema del lavoro a quello  della sicurezza. Ma, come ben sappiamo, la nostra comunità ha un  patrimonio di grandi potenzialità e vocazioni che bisogna saper  riconoscere e valorizzare".

LA LETTERA INTEGRALE

Carissimi,
in vista delle prossime elezioni amministrative per la città di  Perugia è importante che il nostro Partito recuperi un rapporto forte  con gli elettori attraverso la più larga partecipazione possibile.
Solo così le scelte politiche possono essere legittimate e accettate  dalla pluralità dei cittadini. Per questo credo che sia nostro compito  stimolare il confronto sui temi che più stanno a cuore alla nostra  gente.
Sono stati anni difficili per Perugia. Dal tema del lavoro a quello  della sicurezza. Ma, come ben sappiamo, la nostra comunità ha un  patrimonio di grandi potenzialità e vocazioni che bisogna saper  riconoscere e valorizzare.

Per arrivare a una proposta politica convincente, e soprattutto  condivisa, è necessario consentire un confronto tra i candidati che  sia il più aperto possibile.  Il nostro Partito ha istituito le primarie a livello nazionale e non  solo, proprio per questa ragione. La consultazione aperta è il segno  distintivo del nostro agire politico: il Pd ormai utilizza questo  strumento nelle occasioni di voto. E la risposta degli elettori ci ha  sempre confortato, specialmente quando le primarie sono state aperte a  tutti.

Quando invece si è tentato di escludere la partecipazione di molti  cittadini alle scelte comuni, le polemiche, come ben sappiamo, hanno  sovrastato i punti nevralgici della competizione politica e messo in  secondo piano programmi e candidati.

Le primarie connotano il nostro modello stesso di partito. Sono ormai  uno strumento imprescindibile di dialettica democratica di cui non  possiamo più fare a meno. Credo quindi che anche per la scelta della candidatura a sindaco di  Perugia le primarie siano una opportunità da non perdere.
Soprattutto in questo momento storico, immersi come siamo in un clima  generale di stanchezza e di lontananza dalla politica, alimentato dai  comportamenti demagogici e populisti di alcune forze politiche e dagli  effetti persistenti di una gravissima crisi economica dalla quale il  Paese fatica ad uscire.
Perugia ha bisogno del coinvolgimento dei suoi cittadini, del loro  contributo di idee e di un entusiasmo
nuovo per la cosa pubblica.

Sono queste a mio parere le motivazioni per sostenere le primarie per  la scelta del candidato a sindaco di Perugia. Questo percorso di trasparenza e di correttezza verso gli iscritti, i  cittadini e tutto il corpo elettorale, può rafforzare la nostra  proposta politica, al di là di qualunque logica personalistica.  Con le primarie aperte a tutti gli elettori non vince solo questo o  quel candidato. Vince il Pd. E attraverso una sana dialettica  democratica, costruttiva e propositiva, potremo affrontare insieme,  con maggiore determinazione, la sfida delle elezioni amministrative.  Con questo strumento di democrazia potremo focalizzare meglio le  criticità e i punti di forza dell'azione dell'ultimo governo  cittadino. Ma soprattutto, potremo scegliere la proposta che  maggiormente risponde alle esigenze di Perugia, sia all?interno del  nostro Partito che della coalizione del quale il Pd rimane il perno  essenziale.

Con questo spirito e queste finalità, mi rendo disponibile a  presentare la mia candidatura alle primarie per scegliere il candidato  a Sindaco di Perugia, nella speranza che sia forte la volontà  condivisa di intraprendere insieme questo percorso. Per il bene di Perugia e per la difesa dei nostri valori e della  nostra cultura democratica e pluralista.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ELEZIONI Sale la voglia di primarie a Perugia: Anna Rita Fioroni si candida

PerugiaToday è in caricamento