menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, il centrodestra sceglie Romizi ma non c'è l'accordo con Numerini

Scelta condivisa tra Fratelli d'Italia, Nuovo Centrodestra e Forza Italia che questa mattina hanno esaminato gli ultimi tre nomi dei papabili. Ma non c'erano i cattolici anti-sinistra che restano in campo. Le trattative continuano

Mentre il coordinamento di Perugia di Forza Italia spiegava, con molto nervosismo e qualche contraddizione interna, il ritiro della candidatura dell'avvocato Corrado Zaganelli, il tavolo quello che conta nel centrodestra ha fatto un ulteriore passo avanti per mettere una toppa come una casa dopo la figuraccia rimediata dalla coalizione negli ultimi giorni. Asciutti per il Nuovo Centrodestra, Modena per Forza Italia e Marco Squarta per Fratelli d'Italia hanno esaminato le due candidature rimaste sul tavolo da ieri sera: quelle dei giovani Emanuele Prisco (destra) e Andrea Romizi (Fi). Alla fine tutti sono stati d'accordo sul nome di quest'ultimo che a questo punto avrà 48 ore di tempo per decidere se accettare o no.

E Otello Numerini, leader dei cattolici anti-Boccali? Non erano presenti al tavolo del centrodestra ma i contatti sono forti per portarlo in coalizione. Per questo Asciutti-Modena-Squarta hanno redatto una lettera per chiedere in sintesi un accordo di programma per stare tutti insieme e allo stesso tempo che Numerini faccia un passo indietro da candidato sindaco a candidato capolista della sua cosa bianca per Perugia. Ma da quanto appreso da Perugiatoday.it l'area cattolica proverà fino alla fine a trovare un'alleanza con Numerini sindaco in caso contrario minaccia di andare con una lista propria magari insieme a Scelta Civica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento