Elezioni regionali Umbria, Di Maio e Fico lanciano Bianconi: "Se gli umbri voteranno con la testa vinceremo noi"

Il Ministro Di Maio: "L'Umbria non è un trofeo elettorale nazionale, partiti e movimenti non metteranno bocca sulla giunta regionale"

Tic, tac. Le urne delle elezioni regionali si avvicinano sempre di più e il tempo stringe. Assi sul tavolo, una seconda mano da giocare non ci sarà. I 5Stelle portano i big in Umbria. Così il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, capo politico M5S, butta acqua sul fuoco elettorale: “Le elezioni di domenica in Umbria non sono un trofeo elettorale nazionale”. Un po' come aveva fatto il presidente del consiglio Giuseppe Conte, con il paragone della discordia: “Con tutto il rispetto per la popolazione umbra, una popolazione che è pari alla provincia di Lecce non può essere determinante per le sorti del Governo”.

E visto che in Umbria c'è "il laboratorio politico" e i pentastellati sostengono il candidato del Patto Civico Vincenzo Bianconi, Di Maio rincara: “Se vinciamo i movimenti e i partiti che sostengono Vincenzo Bianconi non metteranno bocca sulla giunta. Vincenzo può scegliere tra le migliori risorse dell'Umbria senza dover rendere conto alle liste della coalizione”.

La stessa cosa la ripete Bianconi, subito dopo l'incontro con Roberto Fico, definito “ persona davvero speciale, aperta al dialogo e all'ascolto”. L'incontro con il Presidente della Camera dei Deputati, “è stata l'occasione per ringraziare la comunità del MoVimento 5 Stelle per essersi messa in discussione e di averlo fatto per il bene dell'Umbria”. E ancora: “Li ringrazio per aver rafforzato, con un grande contributo di competenza e serietà, questa nostra visione comune in cui sono parte integrante la democrazia partecipata, il mettere i cittadini al centro, la scelta degli assessori fuori da logiche politiche, la tutela dell'ambiente e i beni comuni, il no agli inceneritori, l'acqua come bene comune, l'economia circolare e tanto tanto altro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma il tempo stringe e le urne corrono incontro ai candidati. E allora Bianconi rilancia: “Il coraggio di mettersi in discussione, in questo momento talmente particolare, in questa strana congiuntura astrale nata da tante cose, sia positive che negative, offre un'opportunità grandissima a questa regione che forse non si ripresenterà mai più”. E poi la stilettata: “Sono convinto che se noi umbri andremo a votare con la testa potremo vincerle queste elezioni, se invece andremo a votare con la pancia, beh avremo un bel mal di pancia per i prossimi 5 anni”. Tic, tac.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento