menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria Popolare scende in pista agguerrita, Monni: "Medici obbligati a organizzare cene per la Marini

L'affronto arriva anche da Sandra Monacelli, insieme a Monni e Mantovani una delle fondatrici di questa lista civica di grande respiro, "viviamo in una regione in cui il Pil non dà segni di ripresa

L'entusiasmo c'è. La grinta, anche. Almeno questo si percepisce dalla presentazione della lista Umbria Popolare che parte subito all'attacco senza mezzi termini. “Siamo stanchi” - tuona il candidato Massimo Monni - “non è possibile che la presidente Catiuscia Marini abbia obbligato i primari del Santa Maria della Misericordia ad organizzare una cena con tutti i medici dell'ospedale in vista della sua ricandidatura”.

I presenti applaudono, ma l'affronto arriva anche da Sandra Monacelli, insieme a Monni e Mantovani una delle fondatrici di questa lista civica di grande respiro, “viviamo in una regione in cui il Pil non dà segni di ripresa per non parlare poi di quei 350mila giovani in cerca di lavoro e la Marini cosa fa? Dei manifesti incomprensibili con il suo nome e la parola presidente”. Ancora applausi scanditi dalla sete del cambiamento.

TUTTI I NOMI IN LISTA 

Ad essere presente anche il deputato Gaetano Quagliariello che non tarda a ricordare la vittoria perugina, ma gli elogi vanno soprattutto all'aspirante presidente Claudio Ricci, descritto dal deputato come un pioniere. Ma il futuro, in momento delicato come quello che stiamo vivendo, preoccupa tutti e non poco. Ed è proprio Quagliariello a voler spendere qualche parola su quello che sarà dopo il 31 maggio: “Area Popolare è un progetto politico nuovo che si prefigge di raccogliere intorno a sé quell'area moderata che ha l'esigenza di essere rappresentata”.

In disparte, nascosto tra la stampa, si scorge anche l'assessore alla spending review del comune di Perugia Francesco Calabrese. Sandra Monacelli non tarda a chiamarlo testimonial. Presto detto, Calabrese con il tono istituzionale che gli veste a pennello, sale sul “palco” augurando a tutti “buona campagna elettorale” e sottolineando “il grande lavoro che stanno facendo a Perugia”.

INAUGURAZIONE SEDE ELETTORALE

Ad intervenire anche il senatore Luciano Rossi che definisce Umbria Popolare “una squadra protagonista per la gente e tra la gente”, mentre il deputato Antonio De Poli ricorda che “dobbiamo costruire una Regione attenta ai veri bisogni, perché la costruzione della politica parte dai territorio”.

A chiudere la presentazione della lista il candidato Claudio Ricci: “Ringrazio Sandra e Massimo per la pazienza. Spero che questo percorso si concluderà con le nostra vittoria in regioni. Nei viaggi occorre ricordarsi sempre da dove si è partiti e dove è la meta. I nostri competitor si aprono al dialogo solo gli ultimi trenta giorni della campagna elettorale, noi è venti mesi che parliamo alle persone. Questo significa che staremo sempre con al fianco dei cittadini e non solo durante l'avvicinamento delle elezioni. Infine voglio ringraziare chi si è candidato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento