rotate-mobile
Politica

Primo Maggio, Ferdinandi e il nuovo Patto per il Lavoro: "Più opportunità ai nostri giovani"

La candidata sindaca del centrosinistra più civici: "Mettere davvero il valore del lavoro al centro della nostra azione politica"

Vittoria Ferdinandi, la candidata sindaca del centrosinistra più civici alle elezioni comunali di Perugia, lancia il Patto per il Lavoro e si impegna a dargli vita "già nei primi cento giorni di governo della città". Perché, sottolinea per il Primo Maggio, "Come ci ha ricordato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ‘il lavoro è libertà e strumento per realizzarsi’. Per me e per la nostra coalizione, ciò significa mettere davvero il valore del lavoro al centro della nostra azione politica".

Il nuovo Patto, anticipa la nota, coinvolgerà "i principali attori del mercato del lavoro locale, le rappresentanze sindacali e datoriali, il mondo economico, le università, i rappresentanti della formazione e del terzo settore: tutti insieme in un tavolo permanente che darà vita ad azioni concrete. E lo faremo pensando innanzitutto ai nostri giovani e al loro futuro, perché possano tornare a sentirsi fieri di vivere in una città che offre loro le giuste possibilità di libertà e di realizzazione personale". 

L'obiettivo, spiega, "è quello di individuare da subito gli strumenti più adeguati a favorire la crescita dell’occupazione, della qualità del lavoro, dello sviluppo economico, dell'attrattività e della crescita dei talenti, nonché la tutela dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici favorendo percorsi di uscita dalla precarietà,  con particolare riguardo alle donne e ai giovani, alle persone che partono da situazioni di svantaggio sociale ed economico, ai disabili o a chi ha carenze formative e si trova in condizioni di vulnerabilità". E ancora: "Le linee di azione del Patto per il Lavoro  - precisa Ferdinandi - verranno definite insieme a tutti gli attori coinvolti: pensiamo alla realizzazione di sportelli dislocati in tutto il territorio comunale, alla formazione per l'inserimento lavorativo per i più fragili, alla promozione dell'innovazione attraverso strumenti come spin-off e start-up, incoraggiando l'imprenditorialità sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. La riorganizzazione dei servizi per garantire una maggiore accessibilità e una migliore gestione del tempo di vita". Tra i progetti c'è anche "il telelavoro, utilizzando spazi pubblici adibiti a questo scopo, consentendo ai lavoratori di collaborare con aziende importanti anche al di fuori della regione, ma mantenendo un legame con il territorio locale".

La candidata di centrosinistra specifica anche che "la nostra amministrazione comunale sarà poi impegnata a difendere la dignità del lavoro, nel rispetto dei contratti collettivi nazionali e delle leggi vigenti, a partire dall’introduzione del salario minimo come criterio obbligatorio per qualunque appalto di opere o servizi". E ancora: "Per noi - conclude -  il lavoro e anche e sopratutto sicurezza: pensiamo a capitolati che fissino requisiti stringenti sui risultati e sui livelli di servizio, nonché sul pieno rispetto degli obblighi di sicurezza sul lavoro, causa prima dell’abnorme numero di incidenti e morti sul lavoro, sulla piena applicazione dei contratti collettivi nazionali. A tal fine istituiremo una commissione permanente di vigilanza sugli appalti pubblici composta da tecnici e parti sociali, supportata da un nucleo dedicato alla funzione di monitoraggio e controllo dell’esecuzione degli appalti di lavori pubblici di competenza del comune nel rispetto delle normative sulla sicurezza sul lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo Maggio, Ferdinandi e il nuovo Patto per il Lavoro: "Più opportunità ai nostri giovani"

PerugiaToday è in caricamento