Elezioni, Giubilei presenta la sua lista: lavoro, sicurezza e partecipazione per il futuro della città

Il candidato del centrosinistra illustra il progetto Idee, Persone, Perugia: un "cantiere di idee" alimentato dal confronto che andrà avanti fino alla fine di aprile. Nomi ancora da ufficializzare: molte donne e altrettanti giovani

Il programma è frutto della partecipazione, di un percorso che, dall'inizio, il candidato sindaco al Comune di Perugia, Giuliano Giubilei, dice, ha voluto condiviso con cittadini e associazioni che in questi mesi ha incontrato e con cui continuerà a confrontarsi in un “cantiere delle idee” che lavorerà fino alla fine di aprile per definire le proposte per il futuro della città. Progetto a lungo termine, quello di un eventuale mandato, che completi la realizzazione di una Perugia “più dinamica, viva e vitale. Una Perugia delle opportunità”. 

VIDEO Elezioni, il candidato del centrosinistra Giubilei presenta lista del sindaco e programma: "Punto su donne e giovani"

“Perugia ha avuto negli ultimi cinque anni una guida che non ha saputo andare al di là del piccolo cabotaggio quotidiano, senza proporre una visione strategica per la città. La nostra città deve invece avere l’ambizione di guardare lontano” sostiene Giubilei che oggi, 2 aprile, ha presentato la sua lista. Un “progetto civico nato dalla società civile, è espressione di tante anime e sensibilità della nostra città” che prende il nome di “Idee, Persone, Perugia” e si vuole impegnare affinché la città “riconquisti il ruolo di capitale della regione e il centro della scena. Un modello per altre città, non solo in Umbria, ma in Italia ed Europa. Una Perugia aperta al mondo, che sappia immaginare se stessa nel 2030”. Ancora da svelare i nomi: molti giovani e molte donne, anticipa.

 Scendendo nei dettagli dei temi fondanti del programma, la mobilità. ​“Uno degli ambiti cruciali su cui occorre cambiare rotta sono le politiche che incentivano l’uso del mezzo privato. I parcheggi devono avere tariffe più convenienti e con una diversa modulazione oraria. Perugia deve essere ‘laboratorio della mobilità sostenibile’. Il trasporto pubblico locale va profondamente ripensato: dai percorsi, agli orari (compresa la mobilità notturna), all’impiego di mezzi più piccoli ed ecosostenibili. Serve ancora una volta una coraggiosa riforma dei piani urbani della mobilità che in primo luogo completi quei percorsi avviati in passato, che si sono dimostrati vincenti, ma che passi anche per una vera e profonda partecipazione dei cittadini. La priorità sarà di sviluppare il trasporto pubblico urbano sfruttando la rete ferroviaria già esistente in città, anche per garantire un più agevole accesso a chi viene dall’area Nord del territorio comunale”.

Fondamentale, sostiene il candidato sindaco, sarà quindi sfruttare le reti ferroviarie che attraversano la città (ex Fcu fino a Sant’Anna e Rfi lungo la direttrice Ponte San Giovanni-Fontivegge-Facoltà di Ingegneria-ex Silvestrini), facendo passare convogli che rispettino frequenze da metropolitana, come avviene in moltissime città.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento