Elezioni Perugia 2019, la Mori tira il Partito Democratico al centro: "Dobbiamo guardare ai cattolici"

Il consigliere comunale contro il segretario Polinori: "Non si guardi solo alla sinistra e ai laici"

Al centro. No, più al centro. Nel Pd di Perugia, in vista delle elezioni comunali del 2019 si apre già il dibattito sulle alleanze. Per il consigliere comunale Emanuela Mori il punto è uno solo. Ed è questo: "Puntiamo sui cattolici". E lo spiega così, tirando bordate dopo l'assemblea comunale che ha arenato (per ora) l'idea delle primarie: “Questo Pd perugino non può guardare solo a ciò che rimane della sinistra e a qualche vaga associazione di cui non si conosce nome e attività a cui si rivolge il segretario cittadino Polinori. Dobbiamo aprire le porte a tutto quel mondo cattolico che oggi trova profondo imbarazzo negli estremismi espressi da questo governo nazional-populista che rappresenta valori diametralmente opposti a quelli dei cattolici”.
Il riferimento alla vaga associazione, buttato lì di sfuggita, è per Anima Civica. Formazione cittadina nata da poco in vista delle elezioni del prossimo anno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elezioni Perugia 2019, la Mori tira il Partito Democratico al centro: "Dobbiamo guardare ai cattolici"
La multinazionale delle chiacchiere - Chi ha paura di Cernicchi candidato per il Pd? 
Elezioni Perugia 2019, Il Pd affossa le primarie per il candidato sindaco e pensa ad una coalizione con tutti dentro...

 

E in tema alleanze tutto vale e tutto può essere messo in discussione. Così la Mori mette sul piatto della bilancia anche i diritti civili: “Ben vengano i diritti civili tanto osannati ed esasperati da una cultura eccessivamente laica – ha proseguito Mori –, ma allo stesso tempo il Partito Democratico deve difendere e valorizzare le istanze dei cattolici impegnati in politica e non. Quando si parla di contatti con le associazioni non si può pensare solo al mondo laico, ma dobbiamo recuperare quell’ampio fronte cattolico a cui io e tanti miei amici apparteniamo e che oggi non riescono a trovare un partito di riferimento”.

E di nuovo sulle elezioni: “Ecco la vera sfida su Perugia – ha proseguito la Mori – per recuperare una credibilità e una governabilità da tempo dimenticata a causa di un governo cittadino in molti casi latitante e molto concentrato sull’apparire piuttosto che sul ‘fare’”. “Credo – ha concluso Mori – che solo in questo modo, ovvero condividendo e aprendosi a nuove culture e a nuove istanze provenienti da quel mondo moderato a cui mi riferisco e a cui appartengo, si possa dare una svolta risollevando le prospettive di un Partito Democratico perugino ancora troppo legato alle esperienze di sinistra, diventate di fatto antistoriche e sicuramente inadeguate alla sfida che noi andremo ad affrontare nei prossimi mesi”. Che si discuta, allora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento