Politica

Amministrative | Lega, il sottosegretario Molteni: "Più agenti in città. Clandestini: errore cancellare i Decreti sicurezza"

Ha fatto visita al commissariato e al comando della polizia municipale di Città di Castello. Tanti i temi affrontati, dalla necessità di potenziare l'organico delle forze dell'ordine al contrasto dell'immigrazione clandestina

"I commissariati di polizia sono dei presidi di prossimità fondamentali perché qui lavorano ogni giorno silenziosamente donne e uomini che garantiscono la sicurezza e legalità. Ho preso l'impegno di continuare a potenziare l'organico, le dotazioni di agenti e mezzi per consentire alle nostre donne e uomini in divisa di fare sempre bene e sempre meglio quello che quotidianamente fanno": lo ha affermato il sottosegretario al Ministero dell'Interno, Nicola Molteni, ha fatto visita al commissariato e al comando della polizia municipale di Città di Castello. Tanti i temi affrontati, dalla necessità di potenziare l'organico delle forze dell'ordine al contrasto dell'immigrazione clandestina.

marchetti-molteni-2"Si tratta di un problema serio - ha evidenziato il sottosegretario - perché in questo momento continuano centinaia di sbarchi a Lampedusa e non solo: sta diventando un'emergenza, ed è ancora più grave in tempo di Covid. È dovere del Ministero e del Governo difendere i confini perché in Italia si viene in legalità e in sicurezza, non prendendo barconi. Smantellare i Decreti Sicurezza, ai quali ho lavorato con l'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini, è stato un errore gravissimo e i 41 mila sbarchi di oggi sono una conseguenza di quella scelta clamorosa. Con il dialogo, con il confronto e con la serietà il tema della sicurezza e dell'immigrazione clandestina deve tornare ad essere centrale, perché se l'immigrazione non viene controllata, si creano problemi e disagi sui territori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative | Lega, il sottosegretario Molteni: "Più agenti in città. Clandestini: errore cancellare i Decreti sicurezza"

PerugiaToday è in caricamento