Disegno di legge dei deputati umbri Lega: "Meno tasse e vincoli, più aree esterne per bar e ristoranti"

Dopo la presentazione del Decreto Liquidità del Governo, i parlamentari leghisti presentano contro-proposte. Obiettivo: modificare le impostazioni per il settore previsti Fase 2

“Una moratoria di tre anni con sospensione della tassa di occupazione suolo pubblico, fondo statale di compensazione ai Comuni, ampliamento degli spazi esterni anche a parità di postazioni cliente e deroga a vincoli e pareri ostativi". Sono queste le proposte che diventeranno emendamenti al Decreto Fase 2 - annunciato ieri dal Governo - e che prima o poi sarà discusso in Parlamento. Il cambiamento in favore degli operatori del turismo porta la firme di tutti i deputati dell'Umbria della Lega Stefano Lucidi, Virginio Caparvi, Riccardo Augusto Marchetti, Valeria Alessandrini, Luca Briziarelli, Barbara Saltamartini, Simone Pillon.

"Segnalazioni costanti di cittadini e imprenditori del settore della ristorazione e bar - hanno detto i parlamentari - evidenziano alcuni aspetti che potrebbero comportare un ostacolo ad una agevole ripresa dell'attività economica. Ė necessario che il Governo ascolti la voce delle decine di migliaia di imprenditori del settore accettando le istanze proposte, invece di barricarsi dietro provvedimenti amministrativi, evitando di accentrare tutte le decisioni a livello governativo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Disegno di Legge della Lega prevede: un periodo di attenzione di tre anni, considerando che il 2020 è oramai economicamente in perdita, nel quale sospendere la tassa di occupazione suolo pubblico compensata con un fondo nazionale per i mancati introiti dei Comuni, anche in dissesto; garantire un’adeguata capacità ricettiva consentendo un ampliamento sostenibile e di buon senso dell’area occupata, senza impatto sul calcolo della tassa, avendo come unico vincolo quello della sicurezza e dell’ordine pubblico. Il tutto unito anche alla possibilità di trasformazione delle occupazioni da temporanee a permanenti senza obbligo di smontaggio almeno per il periodo di emergenza considerato. Un alleggerimento di tutti quei vincoli ostativi, ad esempio per i pareri delle sovrintendenze ad ampliamenti, tipologie e anche per nuove concessioni. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento