menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

LA DENUNCIA "Malati costretti ad andare fuori-regione per curarsi con farmaci di ultima generazione"

L'accusa porta la firma del capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Marco Squarta che ha raccolto diverse testimonianze tra i pazienti umbri afflitti da "retto colite ulcerosa"

Malati umbri costretti ad andare fuori-regione per prendere farmaci di nuova generazione che non sono disponibili o non sempre lo sarebbero nelle farmacie ospedaliere di casa nostra. E chi non va oltre confine è costretto a curarsi con altre tipologie di farmaci che possono dare maggiori effetti collaterali. L'accusa porta la firma del capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Marco Squarta che ha raccolto diverse testimonianze tra i pazienti umbri afflitti da "retto colite ulcerosa". 

Sanità Umbria, monitoraggio innovativo per i diabeticI senza puntura del polpastrello

La sanità umbra stupisce il mondo: c'è la terapia per arginare ictus e infarti

"Quest'ultimi sono privati - ha spigato Squarta - delle cure appropriate e costretti a ricorrere al cortisone, con pesanti effetti collaterali. Da numerose segnalazioni risulta che ai pazienti viene spesso risposto che i nuovi farmaci biologici loro necessari non sono disponibili nelle farmacie ospedaliere, negando di fatto la possibilità di curarsi ai malati”. 

“L'intera Giunta regionale – ha continuato il consigliere di opposizione - dovrebbe farsi carico del problema di garantire una risposta sanitaria rapida e razionale a coloro che soffrono di questa patologia. E sarebbe opportuno che l'assessore alla sanità, Luca Barberini, intervenisse nei confronti dei direttori generali delle aziende ospedaliere affinché questa situazione sia al più presto risolta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento