menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini, Bori indossa il camice: "Pronto a vaccinare i miei colleghi con Astrazeneca... per dare un segnale ai cittadini"

Il giovane medico, nonchè capogruppo regionale e candidato alla guida del Pd vuole vaccinare con una seduta pubblica Giunta, consiglio regionale, sindaci e assessori umbri. "Così mandiamo un segnale rassicurante al popolo umbro"

Tommaso Bori, capogruppo del Pd, ha trovato - a suo dire - il modo per cancellare dubbi e paure dei cittadini umbri dopo il caso Astrazeneca, bloccato a scopo precazionale dopo una morte sospetta al Nord. In primis: lui si mette il camice da medico - è il suo lavoro o data l'età sarebbe meglio dire lo sta diventando, dopo aver conseguito la laurea con successo-, poi l'aula di palazzo Cesaroni viene trasformata in un centro vaccinazione e i pazienti sono i membri della Giunta, i consiglieri regionali, i sindaci e tutta la schiera degli eletti in Umbria. Vaccino da somministrare: ovviamente l'Astrazeneca. La seduta vaccinale rigorosamente pubblica magari con tanto di Tv, giornali e web.

La proposta di Bori è stata formalizzata ai quattro venti da una lettera inviata a colleghi e istituzioni. "Organizzare una seduta vaccinale pubblica in cui somministrare,  su base volontaria, il vaccino Astrazeneca ai rappresentanti delle istituzioni e alle autorità sanitarie locali, partendo da sindaci, consiglieri e assessori regionali, per fugare ogni dubbio e dimostrare che non c’è davvero nulla da temere, ma che anzi bisogna accelerare, raggiungendo gli obiettivi previsti dal timing della campagna. In qualità di medico, in maniera volontaria, mi presto a somministrare personalmente le dosi di vaccino, così da non distogliere altro personale diversamente impegnato nella campagna vaccinale”.

Bori c'è, sempre, comunque e in qualsiasi ruolo... dimostrando che nonostante l'età... il ruolo di semplice capo dell'opposizione dell'Umbria gli sta già stretto. "Auspico dunque che le istituzioni umbre si dimostrino sensibili e pronte ad accogliere questa proposta”: si evince nella lettera pubblica dell'esponente Pd che tra l'altro trova tempo persino di essere il candidato (in pole position) per il congresso regionale del suo partito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento