Coronavirus, tamponi e prelievi 'pit stop': i comuni del Trasimeno si candidano come modello

I sindaci del comprensorio propongono alla Regione di allestire un ambulatorio mobile: "Fate di noi un laboratorio"

I comuni del Trasimeno si candidano come laboratorio per tamponi e prelievi 'pit stop' in grado di far compiere un passo in avanti nella lotta al coronavirus. "Fare del nostro comprensorio n banco di prova per testare nuove modalità organizzative e di prevenzione più estensive, specie nell’ambito della diagnosi del Covid-19”: è questa la proposta che gli otto sindaci del Trasimeno hanno rivolto all’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, con l’obiettivo di realizzare misure di contenimento sociale più efficaci e un programma sperimentale di test sierologici rapidi ed estensivi sulla popolazione, a partire dalle categorie a rischio. 

DUE IPOTESI DI LAVORO - Le proposte, pensate ai fini del contenimento del virus, e per aumentare in maniera significativa la capacità di prevenzione e screening sulla pandemia, sono state promosse e condivise sono state promosse e condivise dai consiglieri regionali Eugenio Rondini (maggioranza) e Simona Meloni (opposizione), d’intesa con gli altri rappresentati istituzionali del territorio. Per il sindaco di Panicale e assessore alle Politiche Sociali dell’Unione dei Comuni del Trasimeno, Giulio Cherubini, “si tratta di due ipotesi di lavoro concrete e pronte ad essere messe in campo, emerse grazie a un confronto costante e costruttivo con gli attori sanitari impegnati in questa zona. Ci auguriamo pertanto che la Regione possa valutare positivamente e autorizzarle quanto prima, tenuto conto che il nostro territorio sarebbe in grado di realizzarle autonomamente, senza particolari aggravi di costi, sia nell’area sud che nell’area nord del Trasimeno”. 

Coronavirus, la mappa aggiornata del contagio: tutti i casi comune per comune

STRUTTURE DEDICATE - “In particolare - spiega il sindaco di Panicale - il primo progetto presentato in Regione prevede l’utilizzo di strutture idonee ad ospitare i familiari delle persone risultate positive al Covid-19 o, in alternativa, gli stessi malati, qualora le abitazioni non risultino adeguate ad assicurare le corrette misure cautelari di distanziamento sociale. Ciò al fine di prevenire l’ormai consolidato processo di 'positivizzazione' dei familiari conviventi che sta provocando, oltre che un rischio per l’incolumità dei concittadini coinvolti, anche un serio aggravamento delle misure di intervento sia sanitario che assistenziale (questo a cura dei vari Centri Operativi Comunali), oltre alla comprensibile precarizzazione delle condizioni psicofisiche delle persone coinvolte che potrebbero invece risultare maggiormente protette con l’adozione da una misura di questo genere”. 

AMBULATORIO MOBILE - “La seconda proposta portata all’attenzione dell’assessore regionale Coletto - continua Cherubini - prevede l’attivazione di un ambulatorio mobile, da realizzare con l’ausilio delle nostre forze di Protezione Civile, per poter effettuare le procedure di tampone e prelievo in modalità 'Pit Stop'. Tale misura, fortemente voluta anche da chi opera sul campo da oltre un mese ed esegue i controlli girando casa per casa, potrebbe ben essere realizzata previa prenotazione telefonica dei i cittadini interessati (ad esclusione di coloro che sono destinatari di ordinanza sindacale di quarantena coattiva) ed effettuata tramite il solo accesso automobilistico canalizzato e scadenzato ad orari predefiniti su un’area adeguatamente attrezzata a tale scopo.  Ciò consentirebbe, con tutta evidenza, di aumentare il processo di campionamento territoriale e di conoscenza del processo epidemiologico nella più totale sicurezza del presidio sanitario territoriale e degli operatori che effettuano tamponi e prelievi veloci”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, il sindaco di Tuoro distribuisce mascherine casa per casa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento