menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il Pd alla Regione: "Creare una filiera umbra per mascherine e disinfettati da destinare anche all'export"

I consiglieri Meloni e Bori annunciano una mozione: "Con l'ausilio dell'Università di Perugia e una riconversione industriale si può coprire il fabbisogno interno e dei mercati internazionali"

Una filiera regionale per non dipendere dagli approvvigionamenti nazionale e destinare una parte della produzione all'export per quanto riguarda dispositivi di protezione individuale e gel disinfettanti, reagenti e test, farmaci e ventilatori polmonari. Questo è pronto a chiedere alla Regione Umbria il Parttito Democratico attraverso una mozione annunciata dai consiglieri regionali Simona Meloni (vice-presidente dell’Assemblea legislativa) e Tommaso Bori (capogruppo del partito), che invitano la giunta guidata da Donatella Tesei ad avvalersi della competenza dell'Università di Perugia. "Tra le criticità emerse con più forza nell’ambito dell’emergenza sanitaria – secondo i due consiglieri dem - spicca quella relativa al difficile reperimento di materiali sanitari necessari alla protezione individuale del personale medico, in primis, oltreché a disposizione degli stessi cittadini che si apprestano ad affrontare la cosiddetta fase 2 della crisi senza disporre, al momento, degli adeguati presidi di sicurezza”.

'Umbre' lancia una 'Web Experience' con esperti per uscire dalla crisi e innovare

RICONVERSIONE - “Tenuto conto dell’aumento considerevole della domanda di questi prodotti biomedici e, contestualmente, della crisi che ha colpito interi comparti produttivi - ricordano Meloni e Bori - altre regioni hanno già predisposto da settimane misure efficaci di accompagnamento delle aziende lungo il percorso di riconversione produttiva, dando un contributo fondamentale anche a velocizzare le procedure necessarie ad assicurare la conformità tecnica dei dispositivi di protezione individuale attraverso il coinvolgimento diretto di università ed enti di ricerca locali. Chiediamo pertanto ai rappresentanti della Regione Umbria, in particolare all’assessore allo Sviluppo economico, di seguire i percorsi virtuosi già messi in campo in Puglia, Emilia-Romagna e Piemonte, e, conseguentemente, di attivare quanto prima una collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia che preveda, tra le altre azioni, anche quella di costituire un gruppo di lavoro formato da docenti e ricercatori che mettano a disposizione le loro competenze e le loro professionalità, al servizio delle istituzioni e delle aziende locali interessate alla riconversione, in grado di fornire indicazioni utili, per poter arrivare rapidamente a collocare sul mercato prodotti sicuri e di qualità, velocizzando anche l’iter burocratico necessario”.

Coronavirus, tre aziende tessili umbre uniscono le forze per produrre mascherine

SINERGIA - “Facendo leva anche sugli incentivi previsti dal Governo e gestiti da Invitalia nell’ambito dei processi di riconversione per la produzione di mascherine - proseguono - l’Umbria potrebbe rilanciare in breve tempo, grazie alla dinamicità e alla determinazione di tanti imprenditori locali, una filiera diversificata di prodotti di qualità per la produzione di dispositivi di protezione individuale, prodotti biomedici, strumenti sanitari e farmaceutica disponibili prioritariamente per il mercato regionale ma a disposizione anche per quelli nazionali ed esteri. Questo darebbe all’Umbria l'opportunità di affrontare il futuro con maggior fiducia, con le adeguate prerogative di sicurezza dei cittadini e di rilancio economico per le aziende. In questa fase - concludono i due consiglieri del Pd - è fondamentale avvalersi dell’ausilio dell'Università e dei suoi laboratori per la certificazione della conformità tecnica di questi prodotti, al fine di accelerare un iter autorizzativo spesso troppo lungo, specie per i dispositivi destinati al personale sanitario, che rischia di diventare un fattore disincentivante per tante aziende umbre che stanno già pensando alla riconversione della loro produzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento