menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la Lega applaude la Tesei: "Bene l'ordinanza per le fiere e i luna park"

Il segretario umbro Caparvi: "Ha saputo coniugare tutela della salute pubblica e necessità del rilancio del tessuto economico"

E la Lega applaude la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei: “In questo momento in Umbria è importante saper coniugare l’aspetto prioritario della tutela della salute pubblica, con la necessità di un rilancio del tessuto economico locale già fortemente provato dalle conseguenze della pandemia".

Argomento: l’ordinanza della presidente Donatella Tesei, che prevede un limite al numero di accessi per permettere lo svolgimento delle manifestazioni fieristiche, mercati straordinari, sagre e feste popolari, luna park e giostre. E per il segretario regionale della Lega, Virginio Caparvi, l'ordinanza "va proprio in questa direzione”. E ancora: “Insieme al capogruppo Lega in Regione Umbria, Stefano Pastorelli e alla vicepresidente dell’Assemblea Legislativa, Paola Fioroni, abbiamo incontrato ieri una rappresentanza dei giostrai e degli operatori economici umbri che hanno palesato le esigenze di un settore che dà lavoro a centinaia di persone e che oggi versa in grave crisi a causa del covid-19. Dall’interlocuzione con la presidente Tesei è emersa la volontà primaria di salvaguardare la salute degli umbri, ma senza tralasciare le necessità del tessuto produttivo regionale. Chiudere tutto vorrebbe dire infliggere il colpo di grazia a interi settori e questo produrrebbe conseguenze negative in ottica di rilancio futuro".

Per l'onorevole Caparvi "si può intervenire con intelligenza, prevedendo restrizioni e regole precise in grado di garantire sicurezza sanitaria e lavoro. Il documento prodotto dalla giunta regionale risponde pienamente a questo connubio e ci permette di aiutare un comparto estremamente danneggiato dalle conseguenze della pandemia quale quello degli spettacoli itineranti e dei giostrai che potranno organizzare eventi in Umbria nel rispetto di tutte le normative di sicurezza previste per il contenimento del virus: non potranno accogliere più di 500 persone, così da assicurare il distanziamento opportuno per evitare il contagio; obbligo misurazione della temperatura all’ingresso e di registrazione nominativa dei partecipanti; obbligo di delimitazione e distinzione delle aree di accesso ed uscita, presidiate da steward".

E ancora: "In Parlamento - aggiunge Caparvi - la Lega si è battuta per riconoscere dei contributi che vadano in aiuto dei giostrai e degli spettacoli itineranti, settore al quale Matteo Salvini ha più volte espresso vicinanza. Il nostro emendamento alla Camera è stato cassato dalla fiducia, l'ennesima, posta dal Governo, ma è questa una battaglia che porteremo avanti perché riteniamo giusto aiutare categorie duramente colpite dalla crisi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento