menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il sindaco Stefania Proietti: "Guardiamo al futuro. Assisi avrà guai, ma non perirà mai"

Video messaggi su Facebook del primo cittadino: "Vicini ai cittadini ammalati. per la salute di tutti uffici in telelavoro, giunta e consiglio in videoconferenza". Palazzo comunale illuminato dal Tricolore

Un diretta Facebook nella notte per aggiornare i cittadini di Assisi. Il sindaco Stefania Proietti raggiunge gli assisiati con un messaggio di speranza e coraggio.

“Finalmente una buona notizia: ad oggi nessun nuovo caso positivo, dopo una domenica dura come quella di ieri, dove abbiamo appreso di ben sei concittadini positivi a questo tremendo, invisibile vigliacco nemico che si chiama Coronavirus – dice il sindaco - Vi assicuro la mia personale vicinanza a loro e ai loro cari che in questo momento più di altri sono colpiti e vi assicuro la costante attenzione e vicinanza agli anziani e alle famiglie con fragilità. Riusciamo a fare tutto questo grazie allo straordinario gruppo di volontari della Protezione civile di Assisi, uomini e donne che si mettono al servizio da mattina a sera di queste fragilità e dei bisogni degli anziani e anche del bisogno di assistenza della popolazione. Li ringrazio personalmente a nome di tutto l’ente”.

Il sindaco Proietti annuncia anche due importanti atti amministrativi: “Il primo riguarda l’istituzione del lavoro agile anche nel Comune di Assisi, perché vogliamo esservi vicini non solo con i servizi indifferibili, ma anche per quei servizi che il Comune può erogare a distanza attraverso i mezzi tecnologici e nella totale sicurezza e precauzione sia per dipendenti sia per cittadini – dice Proietti - Il secondo atto è un decreto che stabilisce di fare giunte e consigli comunali in teleconferenza, perché l’attività politica e quella amministrativa non si possono fermare, anzi devono continuare più forti e coese che mai, sia per gestire l’emergenza che è il focus della nostra attività odierna sia per pensare il futuro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un pensiero a quello che è la città nella sua quotidianità che, in questo periodo appare solo un ricordo. “Il centro storico sembrava irriconoscibile, la nostra grande bellezza se non è piena di vita, piena di voci provenienti dai Paesi del mondo, agli schiamazzi dei bambini e alle grida dei ragazzi, sembra quasi irriconoscibile – prosegue il sindaco - È per questo che è nostro dovere nel gestire l’emergenza oggi cominciare a raccontarci e domandarci come sarà il futuro. È un dovere che abbiamo non solo nei confronti della nostra città, abbiamo questo dovere nei confronti della nostra regione e dell’Italia, perché siamo Assisi, la città di San Francesco patrono d’Italia, una città messaggio, una città che rappresenta un faro per il mondo”.

Per dare un segnale di resistenza e speranza il sindaco Proietti annuncia “che il palazzo comunale sarà illuminato con il Tricolore. Vogliamo dare un messaggio che non ci arrendiamo e che un nemico molto potente non ci spaventa, non ci arrendiamo di fronte a lui, gli taglieremo la gambe restando a casa, rispettando le regole e cominciando a pensare alla ricostruzione e al futuro che ci aspetta – conclude il sindaco Proietti - È questa luce del Tricolore che vogliamo innalzare al cielo come segno di speranza. Perché Assisi avrà guai ma non perirà mai”.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento