Coronavirus, nuovo decreto del Governo. Prisco (Fd'i): "Conte condanna migliaia di attività alla chiusura"

L'onorevole di Fratelli d'Italia critica il provvedimento: "Decisioni così importanti prese senza il confronto parlamentare e in maniera difforme da buona parte del resto d'Europa"

Una condanna per migliaia di attività commerciali e produttive. E' il giudizio del deputato Emanuele Prisco sulle nuove norme varate dal Govrno Conte in merito all'emergenza sanitaria a causa del Coronavirus.

"Il nuovo Dpcm di Conte condanna migliaia di attività a morte: è assurdo non concedere la riapertura a tutti quelle attività dove già ora è possibile consentire il distanziamento o l'esercizio della propria attività in maniera sicura e protetta - dichiara Emanuele Prisco, deputato umbro di Fratelli d'Italia - Non si comprende il metro utilizzato per imprese o attività, che si trovano ad essere penalizzati in maniera drastica per il solo fatto di appartenere o no ad un settore, dovendo attendere forse un altro mese per riprendere a generare reddito. Una situazione ancora più paradossale e controproducente in realtà dove la portata dell'epidemia, come nel caso dell’Umbria, è stata più marginale rispetto ad altre zone d'Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il deputato Prisco "gli effetti del nuovo Dpcm configurano una situazione in cui ci sono filiere che possono ripartire e altre evidentemente considerate sacrificabili, che sono quelle peraltro che forniscono molti dei servizi più immediati di cui necessitano i cittadini. Decisioni così importanti, tra l'altro, vengono prese senza il confronto parlamentare e in maniera difforme da buona parte del resto d'Europa. Il tutto a fronte di misure contraddittorie, quasi paradossali, come la riapertura di parchi e giardini, in cui affluenza e distanziamento saranno difficili da controllare e offrono solo uno spiraglio fittizio di ritorno alla normalità. Senza dimenticare - conclude Prisco - l'assenza di accenni alle misure a sostegno dell'economia reale, nel tanto auspicato decreto di aprile che si fa attendere ormai da una settimana, da cui dovrebbero venire quelle risposte attese da alcune delle categorie tuttora più penalizzate, come professionisti e partite Iva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • I migliori ristoranti di Perugia, la classifica dei primi dieci

  • Umbria, follia al supermercato: gira senza mascherina e prende a testate l'uomo che gli chiede di indossarla

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Un'azienda perugina protagonista al matrimonio vip di Elettra Lamborghini sul Lago di Como

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento