Coronavirus, il consigliere De Luca (M5S): "Salvaguardare chi è in prima linea. Nessuna corsa alle mascherine"

Il capogruppo regionale dei cinquestelle: "E' la Regione che deve stabilire l'uso dei dispositivi di protezione individuale, non i sindaci"

“I Comuni umbri continuano ad emanare ordinanze in ordine sparso rispetto all'obbligo dei cittadini di indossare le mascherine e altri dispositivi per contrastare la diffusione del Coronavirus. Direttive che in molte parti d'Italia sono state date dalle Regioni”. Così il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca.

Il consigliere De Luca ricorda che “la governatrice Tesei ha dichiarato: ‘l’emergenza più importante oggi non è quella delle mascherine. Anche perché abbiamo assistito a un po’ di spiegazioni non così omogenee di illustri esponenti del mondo scientifico’. Prendo atto di queste dichiarazioni che di fatto sconfessano l’operato estemporaneo di molti sindaci del centrodestra. Personalmente – commenta De Luca - ritengo che chi ha oneri di governo non può limitarsi a rilasciare delle dichiarazioni a mezzo stampa di fronte al caos delle ordinanze fai da te che i Comuni umbri stanno mettendo in campo. Tanto più che lei stessa mette in dubbio la scientificità di tali provvedimenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la richiesta di “azioni coerenti con quanto proferito volte a mettere ordine ed evitare decisioni ambigue che possono compromettere la salute dei cittadini, oltre a creare disagio e assembramenti nei luoghi dove si vendono presidi sanitari. Inoltre – continua - mi sento di sottolineare che la corsa all'acquisto delle mascherine e dei guanti, deve essere pianificato per tutte le varie ricadute che può determinare, in primo luogo quella che in caso di scarsa reperibilità questi presidi diventino indisponibili per tutti quei lavoratori che svolgono mansioni in filiere essenziali. Soprattutto – conclude - che ne resti sprovvisto il personale sanitario che a vari livelli opera in prima linea”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento