menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la Lega applaude la Tesei: "Finita la pandemia nessun ospedale sarà depotenziato"

I parlamentari della Lega contro chi specula in questo momento di grave crisi sanitaria

Polemiche e appoggi dopo l'annuncio della riorganizzazione degli ospedali dell'Umbria per fronteggiare l'emergenza coronavirus. La Lega, con i parlamentari umbri, si schiera con la presidente Tesei: "È un momento assolutamente difficile per il paese e per l’Umbria vista la recrudescenza del covid e i numeri che si prospettano in un orizzonte non troppo lontano - scrivono Stefano Lucidi, Virginio Caparvi, Riccardo Augusto Marchetti, Valeria Alessandrini, Barbara Saltamartini, Luca Briziarelli, Simone Pillon - . Alla luce di questo, riteniamo giusta la decisione della Giunta Regionale di predisporre tutti gli ospedali umbri per rispondere prontamente al verificarsi di nuovi casi. Ciò anche per permettere alle due aziende ospedaliere di Perugia e Terni di assicurare comunque la gestione delle emergenze e le acuzie provenienti dall'intero territorio regionale”. 

Anche gli ospedali di Spoleto e Pantalla ingaggiati contro il Covid. "Garantiremo cure di tutte le patologie"
 

Ancora i parlamentari del Carroccio: “Siamo soddisfatti dell’impegno preso dalla presidente Tesei nel dire che nessun ospedale verrà smantellato e che, non appena ci saremo lasciati l’emergenza alle spalle, speriamo nel più breve tempo possibile, continuerà nel compito di portare avanti la riprogettazione della sanità umbra dopo le politiche sbagliate e autoreferenziali della sinistra negli anni precedenti. Chi vorrebbe speculare politicamente in un momento così difficile, che non riguarda una sola regione o una sola fazione politica, ma riguarda l’intera nazione e ognuno di noi, paventando chiusure e smantellamenti, verrà smentito dai fatti. Superata l’emergenza, la giunta Tesei darà risposte concrete e riorganizzerà in maniera efficiente i servizi sanitari come promesso".

E poi una risposta, senza nominarlo, al sindaco di Spoleto: "Non è il caso di dividerci in contrade, ma di guardare il sistema sanitario regionale come un sistema integrato, chiamato a rispondere in maniera organica a una emergenza che nessuno ha chiesto di dover affrontare. In questo momento, oltre ad invitare i cittadini a prestare massima attenzione alle regole di base, rivolgiamo un sentito ringraziamento a tutti coloro che dentro e fuori gli ospedali, sono in prima linea per combattere il virus". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento