Coronavirus, Umbria a rischio: "Su 500 ventilatori polmonari disponibili, Roma ne manderà solo 2 tra 20 giorni"

Il duro attacco al Governo e alla Protezione Civile che si stanno occupando della centrale acquisti per l'emergenza. "Le mascherine non ci sono... così ci mandano in crisi"

Il contagio avanza e avanzerà in Umbria. I numeri che ad oggi, nella tragedia sono rassicuranti, rischiano di mutare. Il lavoro incredibile dei medici, delle istituzioni e delle task-force potrebbe essere del tutto vanificato se da Roma la macchina per l'emergenza non ingranerà la marcia giusta per fornire gli strumenti giusti per combattere questa guerra al coronavirus. L'attacco della Presidente dell'Umbria Donatella Tesei, nel giorno dell'approvazione del bilancio, nel consiglio più difficile della storia politica della Regione, è stato forte, chiaro e senza un velo di politichese (o ipocrisia istituzionale). Ha voluto far capire agli umbri, almeno secondo il suo pensiero, come stanno veramente le cose in fatto di emergenza sanitaria. 

Conti pubblici, approvato l'aggiornamento della finanziaria umbra: taglio della spesa e interventi nei trasporti

"Per gestire l’emergenza coronavirus è stato fatto un grande lavoro. Ma... mancano mascherine e ventilatori. Noi abbiamo fatto richieste come tutte le Regioni. Sentirsi dire dalla protezione civile nazionale e dal Governo, che ha centralizzato gli acquisti, che per la nostra Regione rispetto ai 500 ventilatori disponili che sono arrivati ne manderanno solo 2 fra 15-20 giorni, significa mandarci in crisi. Metteteci in condizione di poter agire. Ne abbiamo richiesti 15 ed entro massimo una settimana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: "La redistribuzione non la possiamo fare in base dei numeri che sono apparentemente tranquillizzanti perché la contaminazione è veloce. Stiamo riuscendo a fronteggiare la situazione con uno sforzo incredibile di medici e infermieri, che ringrazio. Ma non è un problema economico. Noi potevamo acquistare in autonomia, ma il mercato è bloccato. Se non si cambia metodo non si può fare nulla. Tutti dovremo batterci insieme su queste questioni. Sono convinta che ci sarà questo tipo di comportamento". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento