Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica

Green Pass per i consiglieri regionali, no alla proposta 5 Stelle-Pd: "La destra umbra strizza l'occhio ai no vax"

Bocciato l'obbligo per i membri dell'assemblea legislativa proposto da De Luca e Bettarelli: "Due pesi e due misure, certificazione imposta solo ai cittadini"

“La destra umbra vota contro il Green Pass per i politici e strizza l'occhio ai no vax". Così Thomas De Luca (M5S) e Michele Bettarelli (Pd) commentano il voto contrario dell'assemblea legislativa dell'Umbria alla loro proposta di rendere la 'certificazione verde' "obbligatoria per i consiglieri regionali durante le attività politiche in presenza dell'Assemblea legislativa e delle Commissioni, alla luce dell'obbligo che è stato introdotto dall'ultimo decreto del Governo a partire dal 6 agosto per tutti i cittadini".

Coronavirus, dal 6 agosto esteso l'utilizzo del Green Pass: ecco quando sarà obbligatorio

Una proposta "bocciata dalla maggioranza con motivazioni che per gravità e pressappochismo fanno semplicemente accapponare la pelle - affermano in una nota De Luca e Bettarelli -. Con l'astensione di Fratelli d'Italia e il voto contrario di Lega e Forza Italia, che invece a Roma hanno sostenuto e votato l'introduzione del Green Pass a partire dal prossimo 6 agosto, l'Umbria dimostra che c'è una classe politica che si ritiene intoccabile e al di sopra delle parti. Al di sopra di quella misura che prevede l'obbligo della certificazione verde per i ristoratori, gestori di palestre e piscine, e tante altre categorie di lavoratori e cittadini umbri”

Secondo i due consiglieri di opposizione si è mancata l'occasione per "dare un segnale forte di fiducia ed esempio positivo da parte della politica regionale". Secondo loro invece "le risposte, date in particolare dall'assessore alla Sanità, Luca Coletto, e dal consigliere leghista, Valerio Mancini, dimostrano inequivocabilmente come la Lega continui a strizzare l'occhio agli scettici del vaccino per motivi di pura opportunità elettorale. Sentire l'assessore Coletto motivare l'inutilità del Green Pass per entrare in Consiglio regionale con l'immunità di gregge in arrivo, entro fine agosto o con l'adozione di protocolli tipo distanziamento e mascherina, fa letteralmente cadere le braccia. Se la proposta del Green Pass è eccessiva come dice, allora perché imporla a bar e ristoranti? Due pesi e due misure, da una parte i politici intoccabili e dall'altra i cittadini".

Green Pass, Coletto attacca il governo: "Under 30 penalizzati, servono più vaccini"

Nel mirino di De Luca e Bettarelli anche il consigliere Mancini "che cita il ‘luminare’ dei no vax, professor Montagnier, e fornisce dati fuori contesto e sbagliati riguardo i ricoverati al Sant'Orsola di Bologna. È inquietante - continuano - che a governare l'Umbria siano politici che sparano numeri a casaccio sui ricoveri, omettendo informazioni sostanziali per gettare ombre sui vaccini. Inoltre - aggiungono - il consigliere Mancini contesta l'adozione del Green Pass perché, a detta sua, in contrasto con la normativa europea secondo la quale ‘nessun paese membro dell'UE può discriminare chi non ha aderito alla campagna vaccinale’. Viene da chiedersi come mai Mancini contesti la certificazione verde solo quando riguarda l'accesso in Consiglio regionale e non la vita dei semplici cittadini”.

“Anche oggi - concludono i due esponenti di M5S e Pd - la maggioranza getta la maschera sulla sua vera natura. Un Consiglio regionale no vax che vota contro l'adozione del Green Pass per i politici e continua a non spendere mezza parola in favore della campagna vaccinale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green Pass per i consiglieri regionali, no alla proposta 5 Stelle-Pd: "La destra umbra strizza l'occhio ai no vax"

PerugiaToday è in caricamento