Fase 2, Tesei incalza Conte sui protocolli: "Ora il governo mantenga le promesse"

Coronavirus, la presidente dell'Umbria incassa l'ok dell'esecutivo per le possibili ripartenze anticipate di bar, ristoranti e servizi alla persona già dal 18 maggio ma pressa il premier: "Rispetti i tempi e permetta agli esercenti di organizzarsi"

L'Umbria è pronta a ripartire da un pezzo, come aveva dimostrato il cronoprogramma presentato nei giorni scorsi dalla presidente Donatella Tesei al Governo, e la 'governatrice' dunque non può che essere soddisfatta dell'apertura dell'esecutivo a discutere delle possibili ripartenze anticipate di bar, ristoranti e servizi alla persona già a partire dal 18 maggio, dando finalmente il via a una Fase 2 rimasta finora 'frenata' dalla prudenza dell'esecutivo. "Il premier Conte ha annunciato l’apertura, dal 18 maggio, del commercio al dettaglio (come era previsto dal Dpcm del 26 aprile, ndr). Apertura che noi - sottolinea però la Tesei -, insieme a tutte le altre Regioni, avevamo chiesto a partire da oggi (11 maggio, ndr). Il Governo ha però dato disponibilità a discutere, in base a specifici parametri epidemiologici e sanitari, di specifici piani di ripartenza regionali. L’Umbria già a fine mese scorso aveva presentato un dettagliato cronoprogramma che, considerate le rassicurazioni della messa a disposizione delle linee guida Inail in tutti i comparti diversi dal commercio al dettaglio, ridiscuteremo con il Governo stesso”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fase 2, dal Governo ok alle Regioni: dal 18 maggio via alle riaperture

Ora la 'governatrice' umbra si aspetta che il Governo mantenga le promesse fatte oggi nell'incontro avuto tra tutti i presidenti delle varie Regioni e il premier Conte insieme ai ministri Speranza (Salute) e Boccia (Affari regionali e Autononie), soprattutto per quanto riguarda i protocolli Inail che erano stati al centro dello scontro nei giorni scorsi: “Ci auguriamo che i protocolli, per riaprire in sicurezza le varie attività, arrivino in pochi giorni come promesso, così da permettere agli esercenti di organizzarsi di conseguenza per le riaperture. Durante la Conferenza Stato Regioni di oggi abbiamo appreso che i protocolli concernenti il commercio al dettaglio saranno gli stessi, così come sostenevamo noi la scorsa settimana, già adottati nei vari settori riaperti, come librerie, abbigliamento per bambini ecc. Ora attendiamo le linee guida nazionali per i servizi alla persona, i ristoranti, i bar e tutte le altre attività produttive e commerciali ancora sospese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento