Coronavirus e ritorno a scuola, il Pd chiede al Comune di Perugia un tavolo permanente

Zuccherini e Bistocchi: "Siamo già in forte ritardo, quindi è quanto mai urgente intervenire subito"

"Chiediamo al Comune di Perugia, tramite il sindaco e vice sindaco con delega alla scuola, di convocare un tavolo di lavoro permanente con i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi di Perugia, al fine di valutare le problematiche legate alla riapertura delle scuole, in base alle linee guida governative e alle difficoltà strutturali che gli istituti si trovano ad affrontare". I consiglieri comunali del Pd di Perugia Francesco Zuccherini e Sarah Bistocchi chiedono la costituzione di un tavolo permanente per affrontare il ritorno a scuola a settembre dopo l'emergenza coronavirus. 

Perché, spiegano i due consiglieri del Partito Democratico, "come ha annunciato il Presidente Conte durante la conferenza stampa del 3 giugno, a settembre riprenderanno le attività scolastiche, di ogni ordine e grado, in presenza. Le linee guida adottate dal Ministero, tramite le valutazioni del Comitato Tecnico Scientifico, saranno fondamentali per trovare le giuste forme per rientrare a scuola in sicurezza. Norme oltretutto che sono in fase di elaborazione e alcuni interventi, anche di carattere economico, sono stati assicurati dal Governo tramite il “Decreto Rilancio”".

E ci sono interventi da fare e fondi da gestire: "Molte scuole  - sottolineano - stanno ricevendo fondi straordinari, al fine di mettere in campo alcuni piccoli interventi di adeguamento e miglioramento delle classi. Gli enti locali, come previsto dal decreto, avranno a disposizione risorse aggiuntive da dedicare all’edilizia scolastica. In più è stato deciso dal Parlamento, durante la discussione del “Decreto Scuola”, di dare ai Sindaci di tutti i Comuni i poteri commissariali per l’edilizia scolastica, al fine di intervenire con maggiore rapidità per portare a termine i lavori necessari alla ripartenza, nel pieno rispetto delle regole". Da qui la richiesta del tavolo permanente a Perugia: "Il ruolo degli Enti Locali assume, se possibile, maggiore importanza: se da un lato la Provincia sarà chiamata ad un lavoro in prima linea sugli immobili delle scuole secondarie di secondo grado, il Comune dovrà prioritariamente occuparsi delle problematiche legate alle strutture dove sorgono gli Istituti comprensivi. Siamo già in forte ritardo nell’effettuare questo tipo di lavoro, quindi è quanto mai urgente intervenire subito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento