Politica

Coronavirus, nuova stretta del governo Conte: multe fino a 4mila euro per i furbetti del decreto anti-contagio

Esclusa la proroga automatica delle attuali limitazioni fino al 31 luglio. Il messaggio ai sindacati: "Non è il momento degli scioperi, il Paese non può permetterselo"

Il 'decreto Sanzioni' è stato approvato dal consiglio dei ministri e i suoi contenuti sono stati illustrati dal premier Giuseppe Conte in una conferenza stampa in diretta web da Palazzo Chigi. Un decreto con cui si introducono nuove disposizioni nell'ambito dell'emergenza coronavirus e che introduce multe da 400 a 3mila euro per chi non rispetta le norme anti-contagio (4mila nel caso in cui il trasgressore venga colto alla guida di un veicolo, la multa sarà aumentata fino a un terzo (4mila euro). 

SANZIONI - "C'è l'appesantimento delle sanzioni - ha detto Conte - anche se sono soddisfatto e orgoglioso dello sforzo che tutti i cittadini stanno ponendo in essere. Le forze dell'ordine stanno facendo un'attenta verifica con un costante monitoraggio, ma la stragrande maggioranza dei cittadini stanno rispettando le disposizioni anti-contagio. Come ho detto fin dall'inizio si vince tutti insieme, ognuno deve fare la propria parte per poterci rialzare quanto prima".

Coronavirus, cambia il modulo per gli spostamenti: la nuova autocertificazione

MISURE REITERABILI - Esclusa poi da Conte la proroga delle attuali limitazioni fino al 31 luglio, come si era paventato nelle ultime ore: " Si è creata discussione sul fatto che l’emergenza sarebbe stata prorogata fino al 31 luglio 2020: nulla di vero - ha spiegato il premier -. A fine gennaio abbiamo deliberato lo stato di emergenza nazionale, appena dopo che l’Oms ha decretato l’emergenza un’epidemia globale. L’emergenza è stata dichiarata fino al 31 luglio ma è solo uno spazio teorico. Questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino al 31 luglio, siamo anzi pronti in qualsiasi momento e ci auguriamo di allentare la morsa delle misure restrittive e superarle molto prima di quel termine”.

REGIONI - "Regolamentato in modo lineare i rapporti tra gli interventi del governo e le Regioni. Lasciamo che i presidenti delle regioni o delle province autonome possano adottare in ambito delle loro competenze provvedimenti e misure anche più restrittve, ovviamente però rimane la funzione di omogeinità e coordinamento, assicurato su tutto il territorio nazionale dall'esecutivo".

Coronavirus, controlli leggi anti-contagio: in strada anche i militari dell'Esercito

IL PARLAMENTO - Il presidente del consiglio ha poi parlato del rapporto tra governo e parlamento in questa fase delicata per il Paese: "Il nostro ordinamento non prevedeva un'emergenza del genere e quinfi abbiamo fin dall'inizio varato un decreto che ci permettesse poi di operare con uno strumnento flessibile come i Dpcm,  in modo da dosare le misure in base all'andamento dell'epidemia. C'è però trasparenza con il Parlamento: ogni decreto sarà trasmesso ai presidenti delle Camere e andrò io a riferire periodicamente ogni 15 giorni in aula,o dove siedono i rappresentanti del popolo".

SINDACATI - Un appello poi ai sindacati, sul piede di guerra dopo la ridefinizione da parte del governo delle attività considerate strategiche e che restano dunque operative. Ultimi a protestare i benzinai: "I sindacati sanno che la porta di Palazzo Chigi e dei ministeri interessati sempre aperte. La concertazione però appartiene agli anni '90, un momento storico mentre oggi è quella del confronto che nell'emergenza è ancora più serrato. La responsabilità della decisione spetta al governo ma in questo momento ognuno deve fare la sua parte e spero che certi annunci rientrino. La filiera alimentare resterà garantita così come il rifornimento di carburante".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nuova stretta del governo Conte: multe fino a 4mila euro per i furbetti del decreto anti-contagio

PerugiaToday è in caricamento