Marcia su Roma, convegno celebrativo: l'ira di Boccali e sinistra

Il 27 e 28 ottobre all'Hotel Brufani da tutto il Paese arriveranno per celebrare i 90 anni dell'evento che segnò l'ascesa del Fascismo. Si annunciano cortei non proprio di "benvenuto"

A meno di 5 giorni dall'apertura del convegno nazionale all'Hotel Brufani sui 90 anni della Marcia su Roma - atto primo dell'inizio dell'era fascista in Italia, partita proprio da Perugia - le polemiche sollevate dalle forze politiche si fanno sempre più roventi. Il convegno - al quale si annunciano la presenza di grandi personalità anche del giornalismo, della cultura e della politica di destra - aprirà i battenti il 27 ottobre con un saluto alle tombe dei gerarchi umbri e poi si articolerà come un qualsiasi dibattito storico anche "se si darà un'accezione positiva all'evento della Marcia" secondo gli organizzatori. Sia dalla Federazione della Sinistra fino ad arrivare ai movimenti anti-fascisti si annunciano delle manifestazioni di protesta proprio davanti alla sede dell'Hotel perugino.

Lo stesso sindaco di Perugia, Wladimo Boccali, ha preso posizione contro le celebrazioni: “Che qualcuno organizzi a Perugia una sorta di pantomima celebrativa della marcia su Roma potrebbe sembrare grottesco, se non fosse, prima di tutto, politicamente disgustoso. Non c’è nulla da celebrare in un evento che per un ventennio consegnò l’ Italia ad una dittatura liberticida, il fascismo che si caratterizzò per le leggi razziali ed un brutale colonialismo e che, per finire, trascinò gli italiani in una guerra devastante. Oggi del fascismo c’è da ricordare soprattutto l’ antifascismo che restituì l’onore all’ Italia e da cui nacquero la democrazia, la Repubblica e la Costituzione".

Boccali vuole tagliare i ponti con il passato per un capoluogo umbro che fu il centro organizzativo della Marcia alla presenza dei maggiori collaboratori di Benito Mussolini. "Perugia democratica ed antifascista - ha spiegato - non tollera che su questi temi si tenti di riesumare un becero revisionismo storico. A nome di una città che ha visto morire giovani partigiani, fucilati dai nazifascisti, chiedo che sia vagliata con attenzione, da parte delle autorità preposte, la legittimità di queste manifestazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento