Allarme conti per la sanità umbra, il capogruppo della Lega Mancini all'attacco: "Buco da 60 milioni"

I dati: "Dai primi documenti che arrivano dalle aziende sanitarie del territorio sembrerebbe che le Usl e l’Ospedale di Terni siano in evidente situazione debitoria. Dubbi sul parreggio di bilancio dell'ospedale perugino"

Lega Umbria all'attacco sui conti della sanità regionale. Dopo le prime rendicontazioni delle aziende sanitarie, sembrerebbe che ci sia un disavanzo complessivo superiore ai 60 milioni di euro.

"Altro che regione Benchmarck come sostenuto dall’ex presidente Marini e dall’ex assessore Barberini – ha dichiarato il capogruppo Lega in Regione, Valerio Mancini - dai primi documenti che arrivano dalle aziende sanitarie del territorio sembrerebbe che la Usl 1, la Usl 2 e l’Ospedale di Terni, siano in evidente situazione debitoria, mentre in riferimento all’Ospedale di Perugia, c’è più di un dubbio sull’effettivo pareggio di bilancio".

Secondo il consigliere della Lega "è un sistema sanitario regionale che inizia a mostrare le prime crepe anche dal punto di vista finanziario e che al contempo non è riuscito ad abbattere le liste di attesa per i cittadini né a difendere i punti nascita come quello di Pantalla, che noi, una volta al governo, faremo l’impossibile per tutelare. Un sistema inoltre che non ha ancora applicato il nuovo contratto della sanità ai propri dipendenti e che lascia più di un dubbio su come sia stato assunto il personale negli ultimi anni: questo non è che lo specchio della sregolata gestione della sanità da parte della sinistra umbra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con la Lega al governo regionale – ha concluso Mancini – ci impegneremo al massimo per sanare tutte le ormai conclamate inefficienze di un sistema sanitario che deve guardare ai problemi dei pazienti e non alle tessere di partito. Ci vorrà tempo ma costruiremo una squadra di governo regionale che abbia ben chiari gli obiettivi e operi ripartendo dal grande valore professionale e umano presente all’interno dell’organico sanitario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • L'ultimo saluto a Carlotta Martellini, il funerale fissato per sabato 1 agosto a Solomeo

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Coronavirus in Umbria, è un neonato il nuovo paziente ricoverato a Perugia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento