menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio regionale, la maggioranza protegge l'assessore Coletto: bocciata la mozione per la revoca del mandato

Dodici voti a favore, affossata la richiesta di revocare il mandato all'assessore alla Salute

Dodici a sette, niente taglio. La maggioranza del consiglio regionale dell'Umbria - Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, ‘Tesei presidente’ - fa da scudo all'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, e manda nel dimenticatoio la mozione d'opposizione - firmata dai consiglieri Bori, Bettarelli, Meloni, Paparelli-PD, De Luca M5S, Bianconi-Misto, Fora-Patto civico - "volta a censurare il comportamento dell'assessore regionale alla Salute e alle Politiche sociali, Luca Coletto e che impegnava la Presidente della Giunta regionale a revocargli il mandato". 

In breve, salvo. Coletto resta assessore. "Siamo dovuti ricorrere a questo atto estremo per tantissimi motivi ma il tema della sospensione della democrazia, cui siete poco abituati, è fondamentale e dovrebbe riguardare anche la Presidente", ha attaccato il portavoce dell'opposizione Fabio Paparelli (Pd). Il capogruppo del Pd, Tommaso Bori, ha rincarato la dose: "Non ci si accorge che categorie e gruppi manifestano e protestano sempre più di frequente contro le scelte della Giunta sulla pillola Ru486 o quelle relative alla non autosufficienza. Dovete sintonizzarvi con la realtà e con le problematiche sociali".

Il capogruppo della Lega, Stefano Pastorelli, ha risposto con parole di fuoco: "L’accanimento con cui vi ostinate letteralmente a combattere l’Assessore alla salute che, nel panorama nazionale, meglio ha adempiuto al suo incarico regionale nella gestione dell’emergenza sanitaria della pandemia, vi qualifica esattamente". Poi la palla è passata al capogruppo di Fratelli d'Italia, Eleonora Pace: " I danni fatto dai governi regionali di centrosinistra sono sotto gli occhi di tutti. In una fase difficilissima dovuta alla pandemia ancora in corso abbiamo dato risposte serie e tempestive grazie all’impegno di tutti. L’Umbria, nella gestione dell’emergenza è stata un modello. Oggi siamo tra le prime regioni pronte alla ripartenza. L’Umbria rappresenta un piccolo gioiello a livello nazionale". 

Finisce 12 a 7. E Coletto resta assessore alla Sanità della Regione Umbria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento