rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica

Quanto costa il Consiglio regionale dell'Umbria, approvato il bilancio di previsione fino al 2024

Palazzo Cesaroni ha approvato all’unanimità il Bilancio di previsione finanziario per gli anni 2022-2023-2024 per il funzionamento del consiglio regionale dell'Umbria

Palazzo Cesaroni ha approvato all’unanimità il Bilancio di previsione finanziario per gli anni 2022-2023-2024 per il funzionamento del consiglio regionale dell'Umbria.

"Tra le priorità indicate nel documento - spiega una nota del consiglio - ci sono la capacità di rinnovamento e di comunicazione; l’attività di consolidamento e miglioramento della qualità delle leggi e valutazione delle politiche pubbliche; la digitalizzazione dei processi interni per snellire l’attività anche nel rispetto dell’ambiente; il benessere lavorativo quale priorità strategica; l’attivazione del sistema di programmazione come strumento informativo e di controllo dell’attività, anche per la razionalizzazione e riduzione della spesa; la comunicazione e l’informatizzazione istituzionale quali elementi determinati dalla trasparenza e conoscenza dell’attività svolta". 

"L’attenzione nella quantificazione del fabbisogno per il funzionamento dell’Assemblea - si legge nella relazione - ha reso possibile confermare la richiesta di finanziamento di 18 milioni 130mila euro per ogni annualità. Confermati anche i trasferimenti Agcom per circa 103mila euro, vincolati alle funzioni delegate all’Assemblea legislativa, oltre ai circa 83mila euro per le trattenute obbligatorie a carico dei consiglieri regionali per l’indennità di fine mandato. Ulteriori entrate sono di circa 47mila euro per la gestione della Buvette, quasi 14mila euro per interessi attivi maturati sui conti correnti di tesoreria e circa 21 mila euro per il personale comandato".

Il fabbisogno finanziario per il consiglio regionale "per il 2022 è di circa 18 milioni 363mila euro, per il 2023 18milioni 330mila e per il 2024 18milioni 337mila euro - prosegue la relazione - . Nel 2022 non è stata applicata alcuna quota anticipata di avanzo d’amministrazione. Le spese servono a coprire le spese per gli amministratori regionali, per l’erogazione degli assegni vitalizi, per il personale, per i gruppi consiliari, per il finanziamento del Cal, dell’Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, del Centro Studi Giuridici e Politici e del Corecom, per i Revisori dei conti, il Difensore Civico, l'organismo indipendente di valutazione. Queste spese obbligatorie rappresentano il principale fattore di rigidità del bilancio, assorbendo oltre l’83% del totale delle risorse disponibili".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanto costa il Consiglio regionale dell'Umbria, approvato il bilancio di previsione fino al 2024

PerugiaToday è in caricamento