Politica

Consiglio regionale, la lingua dei segni entra in aula per informare le persone audiolese

La svolta storia voluta dal Presidente Squarta e da tutto l'ufficio di presidenza. La convenzione

La lingua dei segni entra a Palazzo Cesaroni, sede del consiglio regionale, per garantire la partecipazione attiva delle persone sorde alla vita delle istituzioni. Tutto questo è reso possibile dalla convenzione siglata dall’Assemblea legislativa dell’Umbria e dall’Ente nazionale sordi-Umbria che prevede la realizzazione di servizi di interpretariato nella Lingua dei segni italiana (Lis).

“Sono orgoglioso - ha spiegato Marco Squarta - di poter dire che nei giorni scorsi l’Ufficio di presidenza, all’unanimità, ha deliberato la sottoscrizione della convenzione con l’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi onlus per assicurare un servizio di comunicazione istituzionale nella lingua dei segni. Tutto ciò avverrà – ha spiegato - attraverso video delle sedute d’Aula, conferenze stampa ed altre attività dell’Assemblea legislativa. Il nostro Consiglio regionale  è tra i primissimi in Italia ad aver sottoscritto accordi di questo genere. Noi politici – ha concluso -, per agevolare il compito degli interpreti, dovremmo soltanto sforzarci un po' a moderare la velocità del parlato, anche quando abbiamo tante informazioni da trasmettere. (https://tinyurl.com/y3ysvgq7(link is external) )”.

Luciana Rossetti (presidente Ente nazionale sordi (Ens)-Umbria) ha spiegato che la convenzione rappresenta una svolta storica a livello umbro: "La Regione e l’Ente nazionale sordi hanno dato luogo ad un processo di avvicinamento come mai prima d’ora. É di grande importanza e rilevanza che l’Assemblea legislativa si apre alle persone sorde. I non udenti potranno finalmente sapere cosa accade attraverso sottotitoli ed interpreti professionisti che tradurranno il tutto nella lingua dei segni”. Alla presentazione anche i vice-presidenti dell'assemblea Paola Fioroni e Simona Meloni. Gli interpreti faranno parte della presidente Associazione interpreti lingua dei segni italiana -Anios- Umbria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio regionale, la lingua dei segni entra in aula per informare le persone audiolese

PerugiaToday è in caricamento