Istituita la commissione di inchiesta sui rifiuti: 5 mesi per studiare tutta la gestione

Gli effetti del voto in aula: il termine dei lavori il 7 aprile 2015 e il numero di 5 componenti, tre di maggioranza e due di opposizione, sul modello del Comitato di monitoraggio

Su richiesta del consigliere Liberati (M5s) l'aula di Palazzo Cesaroni è stata chiamata, modificando l'ordine del giorno, ad esprimersi sulla Commissione d'inchiesta su rifiuti e interdittiva antimafia (richiesta da tutti i gruppi di opposizione). L'Assemblea ha approvato a maggioranza, con 13 voti favorevoli, 6 contrari e 2 astenuti, la proposta fatta dal capogruppo del Partito democratico Giacomo Leonelli, che prevede il termine dei lavori il 7 aprile 2015 e il numero di 5 componenti, tre di maggioranza e due di opposizione, sul modello del Comitato di monitoraggio. 

Leonelli ha ribadito la propria contrarietà alle premesse contenute nell'atto, che è di iniziativa dei consiglieri di opposizione, cioè Ricci e De Vincenzi-Ricci presidente, Liberati e Carbonari-M5S, Nevi-FI, Squarta-FDI, Mancini e Fiorini-Lega. La commissione affronterà tutta la questione rifiuti e non solo l'interdizione anti-mafia della Gesenu e Gest come chiesto invece in un secondo momento dalla maggioranza di centrosinistra. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l'opposizione il portavoce Ricci aveva proposto il numero di 7 componenti (4 di maggioranza e 3 di opposizione), “in quanto conforme alla composizione delle commissioni consiliari”, aggiungendo che la durata dei lavori sarebbe comunque prorogabile. In riferimento alle premesse elencate nel testo, “inaccettabili” per i capigruppo di maggioranza, il capogruppo della Lega, Valerio Mancini, ha detto “non potevamo non mettere le ragioni per cui la commissione stessa viene istituita” e il capogruppo del Movimento 5 stelle, Andrea Liberati, ha sottolineato come “il regolamento parla di iscrizione d'ufficio, per cui l'organismo era comunque da intendersi già costituito”. Lo Statuto della Regione stabilisce che se un terzo dei consiglieri fanno richiesta di attivare una commissione d'inchiesta questa si intende istituita d'ufficio; l'oggetto di indagine è quello indicato nella richiesta e non può essere modificato se non con l'assenso dei proponenti.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento