menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso Pd Umbria, Bori apre la porta: "Progetto unitario, c'è spazio per le migliori energie"

Il candidato unico: "Non manterrò la carica di capogruppo in consiglio regionale"

Congresso del Partito Democratico dell'Umbria, ne è rimasto uno solo. Tommaso Bori. Cioè il 'candidato unico', per dirla in politichese, alla carica di segretario regionale: “Il confronto interno – dice – non può trasformarsi in uno scontro. Uno scontro in cui tutto è ammesso e tutto è lecito, compresi modi e toni fuori luogo in un consesso democratico”. Il riferimento, non velato, è ai tre ex candidati che si sono ritirati dalla corsa (Torrini, Presciutti e De Rebotti) e ai mesi di battaglia interna che si sono dipanati dal giorno dell'indizione del congresso. “Forse questo è il primo vero congresso del Partito Democratico dell'Umbria. Le tante tensioni e fibrillazioni forse sono dovute dal fatto che si ridà veramente parola agli iscritti, mettendo al centro persone, progetti, programmi e una squadra nuova”. Detto in altro modo: “Questa volta non è deciso a tavolino da quattro capicorrente”.

E ancora: “Sono due anni che siamo commissariati fuori da ogni regola e che abbiamo accumulato una serie di sconfitte. La nostra comunità ha una grande voglia di riscatto – sottolinea Bori – serve voltare pagina. L'unico modo per farlo è insieme”. Da qui un'apertura del candidato unico: “Questo congresso è un punto di partenza, non di arrivo. E' un punto di inizio, per costruire su basi nuove. Le tante persone che in buona fede avevano creduto a progetti alternativi al nostro penso che debbano avere cittadinanza in questa ripartenza. E io mi farò carico di un progetto unitario che le includa”. Altro sentiero per arrivare allo stesso punto: “Credo nella pluralità, che è nel dna del Partito Democratico: recupererò le migliori energie che erano nelle liste degli altri”.

Poi, il futuro. Il Partito Democratico, dice Bori, “in Umbria deve ricostruire l'alternativa alla destra e alla Lega. Il dissenso che stanno stanno accumulando in Regione e nelle città dobbiamo trasformalo in un consenso nei nostri confronti con un progetto alternativo alla destra peggiore di sempre. In questo ci servono organismi legittimati, una squadra e un progetto per l'Umbria e per le città. Ci candidiamo per questo, per una nuova stagione per l'Umbria e per il Pd. A partire da Perugia”.

E si arriva alla questione del punto di singolarità: capogruppo in consiglio regionale e segretario regionale. “Io in questo – spiega Bori – inverto le logiche del passato: prima ci si candidava a segretario regionale per entrare in consiglio regionale. Io non devo chiedere nulla, quello che ho ottenuto l'ho ottenuto da solo”. Altro modo: “Non mi devo servire del ruolo, sono al servizio di quel ruolo. L'esatto contrario di quello che accadeva in passato”. L'anomalia, aggiunge, durerà poco: “Non manterrò la carica di capogruppo in consiglio regionale, sono contrario all'accumulo di cariche. Appena ci sono le condizioni la lascerò”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento