I gruppi politici in Comune non possono più assumere, al posto dei portaborse arrivano i giovani-tirocinanti: la proposta

L'idea a costa zero lanciata da Francesca Renda, capogruppo di maggioranza

I gruppi politici eletti a Palazzo dei Priori per la prima volta non hanno assistenti e non possono assumerli dopo la rilettura approfondita della legge. Per far funzionare le attività istituzionali, in consiglio e commissioni, i politici possono ricorrere soltanto a personale interno alla macchina comunale. C'è chi vorrebbe tornare al passato e chi invece come la consigliera del gruppo Blu Francesca Vittoria Renda ha lanciato una proposta che potrebbe essere quella giusta non solo perchè è a costo zero.

L'esponente della maggioranza di centrodestra più civici prevede l'attivazione di stage/tirocini curriculari nei gruppi consiliari esistenti nel Comune di Perugia.  “Offrire ai giovani la possibilità di formarsi con un periodo di tirocinio presso i gruppi consiliari – ha spiega la Renda - darebbe loro l’opportunità di capire meglio come funziona l’istituzione comunale e di essere a stretto contatto con le novità politiche cittadine, trovandosi, peraltro, in un ambiente stimolante e dinamico. In questo modo si potrebbero riavvicinare i giovani alla politica e alle istituzioni, in maniera consapevole”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovani universitari ma anche delle scuole superiori potrebbero così entrare nei meccanismi, non tanto della politica, ma della macchina pubblica e delle istituzioni. Il tutor dei tirocinanti potrebbe essere o il capogruppo o un dipendente comunale. Questa formula manterebbe quel risparmio di un milione di euro - nel corso della legislatura - previsto dopo lo stop alle assunzioni esterne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento