Comune, i dipendenti meritevoli? Vogliono selezionarli i politici

I soldi ai gruppo politici aumentano, i bonus benzina restano, ma i consiglieri - proposta Sbrenna ex Dc - vogliono fissare paletti e sostituirsi ai tecnici per valutare i dipendenti

I politici del Comune di Perugia sui bonus benzina non hanno ceduto di una virgola, pur alla fine affermando di devolverli in beneficenza. Sui gruppi addirittura in piena spending review hanno portato da tempo parziale a quello pieno i collaboratori dei partiti con un solo consigliere eletto in Consiglio comunale. Allo stesso tempo però non sono stati confermati i contratti a termine delle maestre dell’asilo nido.

Ma sul fondo produttività o salario aggiuntivo dei dipendenti comunali invece vogliono apportare modifiche riportando sotto la politica chi merita,perché e quanto deve prendere. Ancora una volta il capogruppo Pino Sbrenna – storico ex Dc e poi candidato dal Pdl contro il sindaco Boccali – ha lanciato il sasso nello stagno: “Mi risulta che gli obiettivi annuali vengano di fatto scritti dagli stessi dirigenti su richiesta di quelli ‘sovraordinati’. L’art. 14 di tale decreto, in particolare, prevede che gli indirizzi per questa attività siano definiti dall’organo di indirizzo. Nel caso del Comune, dunque, dal Consiglio Comunale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiaro il messaggio: parametri e altro devono deciderlo gli eletti e non più i dirigenti. E la commissione di valutazione deve essere direttamente presieduta dal sindaco e suoi delegati e non dai tecnici. Una idea lanciata dal consigliere del misto Giorgio Corrado. Obiettivo: far risparmiare l’amministrazione su denari non meritati. Ovviamente quelli degli altri e non quelli dei politici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento