rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Politica

Clandestini: Centro espulsione in Umbria? Rifondazione dice no

Dopo la proposta in chiave anti-clandestini e spaccio dei consiglieri Zaffini e Valentino, il segretario provinciale del Prc Flamini ribadisce il no dei comunisti

Si torna a parlare di istituire anche in Umbria per arginare il fenomeno degli stranieri clandestini un Centro di espulsione. A lanciare l'idea sono stati i consiglieri regionali Franco Zaffini e Rocco Valentino. Un centro che già nella passata amministrazione regionale era stata bocciata quando a livello nazionale si era parlato una nuova struttura a Bettona. 

Oggi come allora è sempre Rifondazione Comunista ad opporsi alla proposta del Centro di Espulsione. "Tornare a proporre - ha spiegato il segretario provincia Enrico Flamini - l’istituzione di un Centro di Identificazione ed Espulsione in Umbria, legandola addirittura alla questione sicurezza, sia del tutto sbagliato e fallimentare, come l’impietosa esperienza italiana di questi anni ci insegna. Il CIE non è, né potrebbe mai diventare, la soluzione all’escalation di criminalità cui si assiste a Perugia, né ai fenomeni criminosi che con diverso grado di intensità e diffusione riguardano il territorio regionale". 
 
Per Flamini la soluzione migliore per trattare il fenomeno dei clandestini e della droga: "Occorre invece nella nostra regione un’azione vera di intelligence delle forze dell’ordine per contrastare le infiltrazioni malavitose. Su questo versante rivendichiamo la paternità originaria dell’istituzione della Commissione regionale Antimafia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clandestini: Centro espulsione in Umbria? Rifondazione dice no

PerugiaToday è in caricamento