rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Politica

Centro ricerche Transcrime: "A Perugia baby gang in crescita". Consiglio regionale: "Lavori sociali per i bulli"

I gruppetti stanno alzando il tiro: spaccio, rapine ed estorsioni. Si corre ai ripari per prevenire e recuperare i giovani violenti

In un anno la Procura del Tribunale dei Minori dell’Umbria ha gestito ben 529 procedimenti penali nei confronti di ragazzi minorenni che sono stati accusati di reati - oltre che dei più tradizionali, furti e spaccio di droga - tra cui spiccano violenze, lesioni gravi e danneggiamenti di vario tipo. Un trend, numeri alla mano, in forte crescita anno dopo anno. Insomma reati che mettono in evidenza quanto i fenomeni del bullismo e la presenza delle baby gang stanno prendendo campo nelle grandi città come in periferia.

Una situazione difficile che si cerca di arginare anche a livello politico in Umbria come dimostra la mozione di centrodestra (approvata all'unanimità in consiglio regionale) che, dopo aver analizzato il fenomeno, intende creare una rete fatta di Comuni, scuole, associazioni, magistrature, forze dell'ordine e mondo del volontariato per accogliee ed educare con pene alternative i bulli, mettere in piedi un osservatorio sulle baby gang e promuovere e sollecitare nelle scuole iniziative di educazione civica e sociale, volte a rendere i ragazzi consapevoli rispetto a queste devianze.

Dal rapporto ‘Le Gang Giovanili in Italia’ realizzato da Transcrime (Centro di ricerca nazionale sui fenomeni criminosi), è stato evidenziato criticità in Umbria ed in particolare nelle zone urbane e periferiche di Terni e Perugia in cui il livello di organizzazione di questi gruppi sta crescendo.  Un fenomeno che coinvolge prevalentemente minorenni della fascia di età dai 14 ai 17 anni, organizzati in gruppi e dediti a atti vandalici e violenze. Ma non mancano anche azioni pesanti come furti, rapine che poi potrebbero anche tradursi in fenomeni gravi di estorsioni e spaccio di stupefacenti. Un fenomeno dunque da tenere molto presente e ben vengano qualsiasi iniziative delle istituzioni per prevenire e recuperare una parte di quei giovani che si è macchiata di questi crimini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro ricerche Transcrime: "A Perugia baby gang in crescita". Consiglio regionale: "Lavori sociali per i bulli"

PerugiaToday è in caricamento