menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camicia diventa un "fittiano di ferro" e ora avrà un gruppo tutto suo in Consiglio comunale

Il consigliere di quasi-maggioranza Carmine Camicia lascia Forza Italia e si mette in proprio con tanto di gruppo autonomo che dovrà essere approvato dal consiglio comunale...

Un nuovo gruppo politico (quasi) di maggioranza approda in consiglio comunale. Il che vorrà dire un nuovo segretario a contratto, nuovi locali e un nuovo fondo per supportare il lavoro amministrativo in commissione e in consiglio comunale del neo-presidente. Il consigliere Carmine Camicia, eletto in Forza Italia ma con un passato fatto di molte altre sigle e gruppi, ha formalizzato la costituzione del nuovo gruppo consiliare denominato “Conservatori Riformisti (COR)”.

Tradotto dal politichese: Camicia fa parte della pattuglia di centrodestra dell'ex presidente della Giunta regionale della Puglia, Raffaele Fitto uno dei "diversamente berlusconiani". Il via libera al nuovo contenitore politico è un atto dovuto dato che il movimento politico è rappresentato in Senato e questo è uno dei requisiti richiesti dal regolamento comunale per le nuove formazioni nate dopo le elezioni comunali. Il neo-conservatore riformista ha subito inviato un comunicato stampa dei suoi: "il ponte pedonale di via Settevalli che unisce l'Emisfero al Todis per finire davanti al Cimitero, a mio avviso è un'opera pubblica che potrebbe essere inutile e costosa, paragonabile al Ponte sullo stretto di Messina".

Paragonabile niente meno che al Ponte sullo Stretto.  Camicia avera recentemente aderito a Rivoluzione Cristinaia dell'onorevole Rotondi ma senza uscire dal gruppo Fi, ma negli ultimi tempi i rapporti con i forzisti si erano diventati glaciale. Inevitabile e calcolato l'addio.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento