Gimo, la Regione mette i soldi per i bus notturni: la palla passa al Comune di Perugia

La fase di sperimentazione del servizio è terminata il 30 giugno 2017 e l'assessore regionale ai Trasporti ne ha giudicato 'soddisfacenti' i risultati ottenuti, che si sono assestati intorno alle 4mila utenze per un costo di 40mila euro

I consiglieri del Partito Democratico Giacomo Leonelli e Carla Casciari esprimono “soddisfazione” per l'approvazione della loro proposta di ordine del giorno con cui ieri l'Aula di Palazzo Cesaroni ha impegnato la Giunta regionale “ad inoltrare immediata e formale richiesta al Comune di Perugia affinché venga attivato il servizio “Gimo” (Giovani In Mobilità) e inserito nell'ambito del Piano Urbano di Mobilità, con l'impegno da parte della Giunta regionale a compartecipare alle spese relative”.

“Ora – affermano i due consiglieri PD - la palla passa al Comune di Perugia che dovrà attivare il servizio, tenuto conto che con l'approvazione di questo ordine del giorno allegato all'assestamento di bilancio, la Regione dice a chiare lettere che 'c'è' e 'ci sarà' nella compartecipazione della spesa che dovrà attuarsi nelle modalità consentite e concordate. Compresa quella dell'incremento dei trasferimenti a favore della città di Perugia per il Trasporto Pubblico Locale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il finanziamento della Regione – spiegano i consiglieri Leonelli e Casciari - va considerato parte integrante dell'impegno dell'Ente nell'ambito delle politiche per il sostegno del diritto allo studio, anche tenendo conto del fatto che l'Università degli Studi di Perugia, l'Università per Stranieri e tutte le istituzioni di alta formazione rappresentano per l'Umbria una risorsa di inestimabile valore, non solo da un punto di vista culturale, ma anche economico e sociale. La Regione - aggiungono - dal 7 aprile 2017, ha introdotto ed interamente finanziato il servizio 'GIMO, che è consistito nella sperimentazione della mobilità notturna con due linee che collegano le principali zone della città in esercizio le sere di venerdì e sabato nella fascia oraria 22.00-02.00. La fase di sperimentazione del servizio è terminata il 30 giugno 2017 e l'assessore regionale ai Trasporti ne ha giudicato 'soddisfacenti' i risultati ottenuti, che si sono assestati intorno alle 4mila utenze per un costo di 40mila euro. In previsione dell'avvio della nuovo nuovo anno accademico – concludono - è quindi necessario riavviare il servizio, prevedendo un opportuno finanziamento”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento