menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Buche, polemiche e veleni: "Il Comune applichi il regolamento. O c'è qualcosa dietro?"

Il Movimento 5Stelle se la prende con i tecnici e la giunta Romizi: "Sappiamo la causa delle voragini e anche la soluzione, cosa state aspettando?"

Hanno trovato la soluzione (definendola tutt’altro che impossibile) per le auto e motorini a rischio incidenti per le continue buche sulle strade di Perugia. E siccome “si moltiplicano le segnalazioni, unite alle proteste, di tutti i cittadini”, il Movimento 5stelle interviene. L’analisi comincia così: “Quando l’auto sobbalza sulle innumerevoli buche è importante valutare due elementi: il regolamento Comunale per gli scavi e la natura del 80 – 90% delle buche”.

Dunque, con calma. Allora: “La maggior parte dei danni alle strade è localizzato in prossimità dei lavori che le varie ditte fanno per conto dei fornitori di servizi pubblici (Enel – Sogegas – Umbra Acque ) infatti il pessimo ripristino dello scavo crea una buca che con il transito dei veicoli si allarga e toglie lo strato di bitume della strada. Stupisce la capacità matematica di provocar danno di cui sono dotati questi figuri: appena il Comune asfalta un tratto di strada ecco una ditta che subito arriva a scavare e posizionare qualcosa sotto il manto stradale e i poveri utenti godono del liscio asfalto a volte per poche ore. Eclatante fu il caso del tratto della strada davanti alla Gesenu a Ponte Felcino appena ultimati i lavori ecco pronto un nuovo scavo”.
Parafrasando i 5Stelle, “dai, ci fate apposta. Ditelo”. Ma “il paradosso  - prosegue l’analisi - è che il Comune ha già previsto la soluzione”. Come? Facile: “Il regolamento “Scavi Sottosuolo” ha previsto tutto quando chiedere l'intervento; come ripristinare; quali materiali usare; la fideiussione in caso di problemi alle strade. Quindi il problema sembrerebbe risolto. Perché lamentarsi, perché arrabbiarsi? Abbiamo gli strumenti giusti”.

E invece no. “Qui nasce la nostra giusta protesta”, rincara il Movimento. “La Giunta ha impiegato ben sei mesi per analizzare il personale e l'organizzazione eppure questo aspetto che da sempre angoscia indispettisce la popolazione nessuno l’ha visto. E pensare che il Regolamento è del 2010, quindi almeno il sindaco avrebbe dovuto leggerlo e votarlo visto che è il consiglio comunale che approva i Regolamenti”. C’è del marcio in Danimarca, per scomodare qualcuno di importate?

“Vogliamo comunque essere ingenui  - proseguono i pentastellati - e pensare che forse è sfuggito. Quindi invitiamo questa giunta a prendere seri provvedimenti affinché il Regolamento non solo sia rispettato, ma anche giustamente applicato e il personale dedicato al suo rispetto sia richiamato al suo dovere d'Ufficio e finalmente inizi a lavorare”.

Poi la conclusione. Il veleno, come da tradizione, è qui. Nella coda. “Ce la prendiamo con i tecnici del Comune sperando che dietro al notevole risparmio che le ditte appaltatrici hanno avuto in tanto tempo non nasconda altro”. Appunto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento