rotate-mobile
Politica

Bilancio comune, l'Italia Viva si smarca dalla sinistra. Mori: "Ecco perchè non voteremo contro. Positivo il progetto San Martino"

Il futuro dei comuni, in fatto di bilancio, resta incerto per via della mancanta volontà di allargare i vincoli di bilancio. Ne è convinta il capogruppo comunale di Italia Viva Emanuele Mori che si è detta preoccupata per la programmazione futura e per la gestione dei servizi comunali. "Sono certo finiti i tempi d’oro dei bilanci facili. Nonostante si parli molto del Pnrr, nessun beneficio reale è intervenuto per allargare i vincoli dei bilanci pubblici" continua l'esponente Renziana "Lo stesso patto di stabilità sarà di nuovo ridiscusso a livello europeo per ridefinire limiti ancora più stringenti. Le amministrazioni si trovano di fronte a un grande dilemma: come trovare risorse per la manutenzione di numerose strutture pubbliche che nel tempo avranno sempre più bisogno di interventi".

Le casse di Perugia | Poche parole, tagli essenziali e recupero dell'evasione: la sfida vinta della Bertinelli, ecco i numeri

Per quanto riguarda il bilancio comunale della Giunta Romizi,  Mori ha espresso apprezzamento per l’operazione di edilizia scolastica a San Martino in Campo - portata avanti dall'amministrazione comunale - che dismette due vecchie strutture ormai inadeguate per costruire un unico polo scolastico per l’area. "Tale operazione a suo avviso dovrà essere la prima tappa di una strategia che deve abbracciare tutto il comune. Quello al voto – ha proseguito - è di fatto un bilancio di fine legislatura e difficilmente si potranno prevedere progetti aggiuntivi". Italia Viva, pur essendo all'opposizione riconosce lo sforzo fatto  per un bilancio difficile d e annuncia un voto di astensione, andando controcorrente rispetto a quello annunciato dal Pd, civici di sinistra e 5 Stelle. "Il bilancio evidenzia comunque uno sforzo in un periodo difficile per l’economia territoriale, legato alla pandemia, alla crisi economica e alla guerra, e tiene conto di molti fattori come la riduzione dei trasferimenti, la cessazione fondi compensativi per l’emergenza Covid e l’aumento dei costi dei materiali. Pertanto il gruppo di Italia Viva ha preannunciato la sua astensione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio comune, l'Italia Viva si smarca dalla sinistra. Mori: "Ecco perchè non voteremo contro. Positivo il progetto San Martino"

PerugiaToday è in caricamento