menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce l'asse Perugia-Siena: i comuni studiano azioni congiunte per turismo, cultura ed economia

Istituito un tavolo tra i due Comuni per unire le due città in un grande itinerario per i turisti dopo la grave crisi provocata dalla pandemia

E' ufficialmente nato l'asse Perugia-Siena per il turismo e la cultura. Le due grandi città etrusche, considerate a tutti gli effetti anche  tra le più belle capitali del Medioevo, hanno deciso di fare cartello per trovare soluzioni comuni e pacchetti turisti da offrire ai turisti italiani e stranieri dopo la grave pandemia di coronavirus che sta condizionando tutto il mondo. I buoni rapporti e la vicinanza tra le due città (soli 104 chilometri e 1 ora 20 minuti di auto) ha fatto scattare la scintilla tra le due amministrazioni comunali che, proprio in questi giorni, hanno deciso di perfezionare un accordo mettendo nero su bianco questa inedita alleanza.

L'assessore al marketing territoriale, Gabriele Giottoli, ha relazionato tutto alla Giunta per ottenere il via libera alla nascita di un "Tavolo di lavoro" che avrà rilievo politico-istituzionale e sarà organizzato e coordinato dai dirigenti del Turismo del Comune di Siena e di Perugia. Al tavolo saranno chiamati anche addetti ai lavori privati, mondo accademico ed esperti di comunicazione.

"In una fase come quella attuale - ha spiegato Giottoli nella sua relazione per l'istituzione di un patto tra Perugia-Siena - è possibile ipotizzare una lenta ripresa del movimento turistico, con una maggiore attenzione dei viaggiatori per la sicurezza e igiene delle destinazioni. Con una preferenza per le attività all’aperto e la ricerca di borghi e luoghi incontaminati, più autentici, lontani dalla ressa. I territori di Siena e Perugia possono sicuramente rappresentare, in questo senso, un’offerta adeguata. Il profilo del turista a cui rivolgersi è quello attratto dalle città d’arte, che ha una certa attenzione alla fruizione integrata del soggiorno (mix cultura, natura, gastronomia, shopping, ecc.) e una sempre maggiore propensione ai viaggi e alle vacanze a carattere esperienziale".

Gli obiettivi sono ambiziosi: l’attivazione di prodotti turistici integrati, quali pacchetti, itinerari, offerte di servizi, così come forme di comunicazione integrata tra i diversi canali web e social a disposizione dei due enti. Tutto questo, creando un circolo virtuoso di collegamento tra i due territori che consentano  ai turisti che desiderano prolungare il loro soggiorno di visitare le due città e di fruire di prodotti specifici costruiti ad hoc.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento