Politica

Alta Velocità, dal 18 febbraio il Freccia rossa perugino si ferma a Terontola: è la fermata dei cittadini del Lago

Esulta l'assessore regionale Melasecche: "Si può già prenotare. Per studi e per lavoro a Milano e Torino in poche ore"

Altro importante tassello per l'Alta Velocità ferroviaria a disposizio degli umbri dopo la corsa delle 5,24 del Freccia Rossa destinazione Milano. Da Foligno-Assisi arriverà nella stazione perugina un regione ad hoc alcuni minuti prima della partenza per il capoluogo lombardo. Dal 18 febbraio attivata anche la fermata a Terontola alle 5.54 della mattina. Una fermata fortemente richiesta dai Comuni del Lago Trasimeno e ai limitrofi della toscana. Al via dunque le prenotazione per la seconda fermata a disposizione degli umbri per cui ha lavorato e portato a casa il risultato l'assessore Enrico Melasecche. 

Giovedì prossimo, 18 febbraio, il Freccia Rossa che parte da Perugia alle 5,24, anche con i viaggiatori giunti pochi minuti prima da Foligno ed Assisi, si fermerà alle 5,54 a Terontola per ripartire esattamente alle 5,56. “Due minuti molto importanti – afferma l’assessore regionale ai trasporti Enrico Melasecche - che segnano la differenza rispetto ai tre anni di inutili richieste in una battaglia che da sei mesi ha visto impegnata la giunta Tesei, con alcuni parlamentari e consiglieri regionali di Umbria e Toscana che ci sono stati vicini e che ringrazio, a favore delle popolazioni del Trasimeno ma anche di quelle della Val di Chiana, con il Comune di Cortona, loro capofila”. 

Le prenotazioni on line sono aperte per cui i viaggiatori interessati possono già acquistare i biglietti. Il Freccia Rossa percorre le tratta Perugia-Milano in 3 ore e 24 minuti, a Milano Rogoredo arriva alle ore 8,48, a Milano Centrale alle 9 e a Torino alle 9,59. Da qui ripartirà alle 17,58 per giungere a Terontola alle 21,52 e a Perugia alle 22,30.

“Poter trascorrere una giornata lavorativa o di studio a Milano e Torino e tornare a casa la sera, in una sola tratta, senza mai cambiare, con un treno ad Alta Velocità – ha continuato l’assessore -, è quindi una possibilità che si apre ad altri centomila umbri e toscani. Aumenta così anche il numero dei potenziali viaggiatori che contribuiranno con il proprio biglietto a sostenere l’impegno della Regione Umbria e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Dedico questa piccola ma significativa vittoria  a tutti coloro che in questi mesi hanno seguito il mio impegno, fra mille difficoltà dovute alla pandemia che ha ritardato di circa sei mesi il risultato, già di fatto conseguito da tempo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alta Velocità, dal 18 febbraio il Freccia rossa perugino si ferma a Terontola: è la fermata dei cittadini del Lago

PerugiaToday è in caricamento