Sabato, 18 Settembre 2021
Politica

Assisi investe sull'aeroporto e cresce il suo pacchetto azionario. Bilancio: il Governo premia con un ristoro pesante la città del Poverello

Nell'assestamento di bilancio, approvato dal consiglio comunale, approvati anche gli sgravi per famiglie e imprese in fatto di Tari

Il Comune di Assisi si prende un altro piccolo ma fondamentale pezzo dell'aeroporto dell'Umbria che, dopo un anno e mezzo di pandemia e il nuovo piano della Regione, deve essere rilanciato per portare turisti e collegare la nostra regione al mondo. Nell'assestamento di bilancio è stato previsto uno stanziamento di 100 mila euro (finanziamento con l’imposta di soggiorno) per la ricostituzione del capitale sociale della Sase spa (la società che gestisce l’aeroporto San Francesco di Assisi) nella quota di pertinenza del Comune di Assisi pari al 2,21%. Lo stanziamento permetterà l’eventuale acquisizione di ulteriori quote che porterebbero il comune di Assisi fino al 7,6% nella Sase. La ricapitalizzazione ha visto diversi storici soci rinunciare a questa avventura da qui l'opportunità, anche per il comune di Assisi, di aumentare il proprio peso nella società.

In fatto di bilancio comunale, l’amministrazione comunale guidata da Stefania Proietti ha ottenuto dal ministero dell’Interno, sulla base della certificazione delle minori entrate – essenzialmente mancano le entrate extratributarie legate al turismo che nel bilancio di Assisi hanno un peso maggiore che in tutte le altre città dell’Umbria - e maggiori spese riconducibili all’emergenza sanitaria da Covid, circa 1 milione di euro a titolo di ristoro per le casse comunali, unica città dell’Umbria a ricevere un così consistente fondo.

Sono stati approvati il regolamento e la tariffa Tari per il 2021: grazie alla solidità del bilancio, il Comune garantirà lo sconto pari al 14% direttamente in bolletta alle imprese, partite iva e attività colpite dalla crisi Covid nonché alle famiglie più bisognose, per le quali saranno varati dei “buoni Tari” che consentiranno la significativa riduzione della bolletta in base ad una autocertificazione. La Tari 2021 si pagherà in 3 rate, la prima a novembre 2021, poi gennaio e marzo 2022 (chiaramente possibile pagare anche in unica soluzione con un sensibile beneficio).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assisi investe sull'aeroporto e cresce il suo pacchetto azionario. Bilancio: il Governo premia con un ristoro pesante la città del Poverello

PerugiaToday è in caricamento