Politica

La Multinazionale delle Chiacchiere - Non riesce la doppietta a Bori, Fioroni para tutto e poi segna...

Assessore e consigliere Pd ai ferri corti su Facebook sul futuro dell'aeroporto. Da una battuta esce fuori un pandemonio. E' iniziata la campagna elettorale... che barba, che noia!

E va bene è iniziata la campagna elettorale. Non si può più scherzare che tutto viene buttato in politica, in acidità totale. Lo ha capito anche l'assessore Michele Fioroni che è tornato sulla pagina di Fb a parlare dell'aeroporto dell'Umbria. Una battutina, velenosa, ma battutina. Prendendo spunto dalla gaffe del Ministro Toninelli per cui esiste "il tunnel del Brennero" (ovviamente infrastruttura non reale), l'assessore ha scritto: "Sembra che dopo il tunnel del Brennero il ministro Toninelli abbia dichiarato che a Perugia c'è un aeroporto".

Il nostro aeroporto è alle prese con nuove trattative per avere nuovi voli dopo la chiusura di altri storici. Più che una crisi una sorta di rifondazione, di rilancio. Chiara dunque la battutina del Fioroni. Ma siccome siamo in campagna elettorale ecco che arriva sparato sulla pagina di facebook dell'assessore il genio-guastatore del Pd, Tommaso Bori, che reduce dal goal politicamente rilevante nella partita su assessori e consiglieri comunali morosi a riguardo di tasse e multe comunali, aveva progettato la doppietta politicamente parlando stavolta a scapito di un altro assessore fedelissimo del sindaco Romizi, per l'appunto Fioroni: "Sembra che l'assessore Fioroni tifi contro la città che amministra e si sia dimenticato che il Comune è socio dall'aeroporto che deride mentre mette 0 euro per i voli #figuracce". Ma il tiro non è finito in rete. La palla è volata direttamente in tribuna. Tutto questo perchè a quel punto il post è stato seppellito dallo stesso Fioroni e altri social-lettori.

Ecco il sunto della risposta al primo affondo di Bori: "Riepilogando, solo con finalità pedagogiche per il consigliere Bori, l'aeroporto è una società per azioni, i soci non ci mettono i soldi se non per ricapitalizzare le perdite, cosa che questo comune ha regolarmente fatto per i primi due anni (con la nostra amministrazione) e ciò che la precedente amministrazione non aveva fatto, facendo scendere la sua quota societaria. La promozione turirstica è in capo alla regione che dovrebbe investire nelle politiche di incoming e non credo sia stata una buona idea, tanto per citarne una, fare una mostra su ben due terremoti in quel di Bruxelles, visto che il turismo si è appena ripreso. Continuare a promuovere l'immagine di regione sismica mi sembra una follia. Ma questa è una mia personalissima opinione. Passo e chiudo".

Marco Antonelli poi dà il colpo di grazia: Caro sig. Bori, l’hastag figuracce appartiene stabilmente a quelli del suo insulso partito che hanno distrutto in decenni di sciagurate amministrazioni questa splendida regione... dovreste fare un po’ di autocritica, prima di buttare fango addosso a chi, in pochissimi anni, ha dato segno di voler VERAMENTE fare qualcosa per la propria terra, cercando di mettere da parte quelle logiche di partito e di interessi personali che invece sono a voi così cari... non mi permetterei mai di darle consigli sul suo modo di fare politica e di relazionarsi con gli avversari, ma osservi bene che questo modo di comportarsi, tipico di chi in questi ultimi anni ha diretto sciaguratamente il suo partito, sta dando i suoi risultati, e non mi sembrano così esaltanti".

Bori però ha annunciato una nuova interpellanza per un maggiore impegno del socio Comune per rilanciare l'aeroporto. Insomma la doppietta non è arrivata, non sempre si può vincere anche in politica. Ma soprattutto una battuta è sempre una battuta... e facciamocele due risate una volta ogni tanto. Ancora c'è tempo per la campagna elettorale per le amministrative 2019. Volare o non volare: questo è il dilemma!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Multinazionale delle Chiacchiere - Non riesce la doppietta a Bori, Fioroni para tutto e poi segna...

PerugiaToday è in caricamento