Accordo Regione e Comune contro le infiltrazioni mafiose: i sindaci chiedono più poteri e uomini

La strategia per individuare i traffici illeciti, gli appalti sospetti e le acquisizioni di aziende del territorio da gruppi sconosciuti e con sede fuori regione - tutti campanelli che possono indicare gli investimenti della mafie sul territori - passerà a breve da un nuovo rapporto tra la Commissione regionale sulle infiltrazioni mafiose e l'Anci, l'associazione dei comuni. Obiettivo: sindaci e amministrazioni sentinelle contro le associazioni criminali e allo stesso tempo promotrici dal basso delle campagne per la legalità e la tutela del benessere dell'Umbria.

La strategia porta la firma del presidente della Commissione Giacomo Leonelli che oggi ha incontrati i sindaci umbri: "Con le Amministrazioni comunali – ha detto il presidente Leonelli - vanno concertate le azioni da mettere in campo. Insieme dobbiamo puntare al rafforzamento dell'identità dell'Umbria quale terra di legalità e contrasto ad ogni tipo di infiltrazioni malavitose e mafiose”. Queste le richieste di intervento che sono emerse dagli interventi del presidente di Anci Umbria, De Rebotti, e di alcuni Sindaci e amministratori locali invitati in audizione presso la Commissione d'inchiesta su criminalità e infiltrazioni mafiose. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Puntare sulla prevenzione, prevedendo risorse utili per la formazione del personale che opera nelle istituzioni. Necessario un più diffuso ed ampio confronto a livello territoriale. Oltre a monitorare il fenomeno delle infiltrazioni malavitose e mafiose, fare anche attenzione all'alcolismo giovanile, alle ludopatie e alla microcriminalità. Le Forze dell'ordine, per il presidio del territorio, avrebbero bisogno di ulteriore personale e mezzi. Massimo coinvolgimento del prezioso mondo dell'associazionismo. Guardare con estrema attenzione ai reati ambientali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Si schianta con la moto in superstrada e il mezzo prende fuoco, ferito motociclista

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 30 giugno: un nuovo positivo, aumentano i ricoverati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento