Auto elettriche e ricarica, modalità, costi e dove trovare le colonnine a Perugia

Se è vero che basta inserire la spina anche nella presa di casa, è vero che oggi con le colonnine elettriche pubbliche si può risparmiare molto tempo. Ecco dove trovarle a Perugia e dintorni

Oggi sempre di più le auto elettriche stanno conquistando il mercato. Anche a Perugia, infatti, non è difficile vederne in città. A breve anche il nuovo servizio di car-sharing, recentemente presentano, si avvarrà di questo tipo di mezzi.

E’ vero che guidare questo genere di auto non è molto diverso dal portare un’auto a benzina o a gasolio, ma è altrettanto vero che circolare con un mezzo elettrico richiede un cambio di mentalità e anche di abitudini, per certi versi.

Un fattore positivo sono indubbiamente le agevolazioni e i permessi speciali che il Comune di Perugia riconosce a questo tipo di auto ecologiche.

Un nuovo approccio in questo senso è certamente quello che si deve avere al rifornimento di carburante. Se con un'auto “tradizionale”, infatti, basta inserire la pompa nel serbatoio, con le elettriche bisogna essere ben sicuri di che tipo di caricatore vada utilizzato sulla propria auto, conoscendo i livelli di potenza delle colonnine presenti nelle città.

Un po’ come per gli smartphone, fino a qualche anno fa ogni costruttore adottava un sistema di ricarica differente. Oggi le tecnologie sono pressoché uniformi e la sola distinzione è tra i sistemi a corrente alternata (quelli che permettono di ricaricare l'auto a una normale presa di corrente) e quelli a corrente continua, che garantiscono tempi di ricarica più brevi. 

Auto elettriche e sistemi di ricarica

Le prese “normali” come quelle di casa si distinguono in quelle con spina Schuko e quelle con spina di Tipo 2, anche chiamata Mennekes. La Schuko è una spina utilizzata anche per molti elettrodomestici, diffusa in oltre 40 Paesi. La seconda, invece, sempre per la corrente alternata sia monofase che trifase, garantisce carichi di corrente più elevati.

In entrambe i casi i tempi di ricarica sono però molto lunghi, in certi casi ogni ora permette di guadagnare anche di meno di 10 km di autonomia. Esiste anche la spina Scame, utilizzata solo per scooter e quadricicli leggeri. In ogni caso, tutti i costruttori stanno puntando su sistemi più potenti a corrente continua. 

Una valida alternativa alla ricarica “alla spina” è costituita dalle colonnine pubbliche, sempre più diffuse sul territorio nazionale. Ma le colonnine non sono tutte uguali. E’ possibile classificarle in base alla loro potenza: si parte da quelle da 3/6 kW e si arriva fino a quelle da 150 kW, passando per le più comuni e diffuse da 22/25 kW e 44/50 kW. Nel primo caso le si può equiparare per potenza a quelle della classica rete domestica, mentre quelle da 150 kW sono riservate esclusivamente ai modelli Tesla. Negli altri casi è possibile effettuare una ricarica completa della batteria in un tempo che intercorre da un minimo di 30 minuti a un massimo di due ore, in base alla potenza.

Nessuno ci vieta di effettuare anche delle ricariche parziali, per ridurre ulteriormente i tempi di ricarica. In tutte le colonnine, o quasi, si possono connettere diverse tipologie di cavi di ricarica, in base alla tipologia prevista dalla casa costruttrice.

Quanto costa ricaricare un'auto elettrica?

Purtroppo ecologia non significa ancora economia. Infatti per ricaricare un’auto elettrica dalla rete domestica (i costi possono variare in base al gestore) si spendono mediamente circa 4/5 euro ogni 100 km di ricarica. Più ampio il discorso per le colonnine pubbliche di ricarica. Anche qui il costo varia in base al gestore e al tipo di offerta. Generalmente si spende da un minimo di 0,025 €/kWh a un massimo di 0,40 €/kWh. Si può scegliere di pagare con carta di credito, con la card del gestore o utilizzare le app per smartphone e tablet appositamente dedicate.

Ecco dove trovare le colonnine pubbliche di ricarica per le auto elettriche a Perugia e provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento