LO STUDIO Il revenge porn: la vendetta sessuale on line è reato.

La denuncia dell’abuso sessuale on line: fondamentale per tenere sotto controllo il fenomeno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

Si è tenuto ieri, martedì 30 giugno, l’incontro, in diretta facebook (https://www.facebook.com/INEDUproject/ ), con Cathy La Torre - Avvocata, attivista per i diritti civili, cofondatrice della campagna “Odiare ti costa” e dello studio Legale Wild Side Human First, sul revenge porn, che è stato riconosciuto in Italia come reato un anno fa, con la legge n. 69 del 19 luglio 2019, cosiddetta “Codice Rosso”. Ad intervenire oltre Cathy La Torre, Cinzia Spogli - Insegnante e responsabile dei progetti europei dell’Istituto Tecnico Economico Tecnologico Aldo Capitini di Perugia e Sylvia Liuti - Responsabile dei progetti europei del gruppo umbro FORMA.Azione, che da anni si occupa di formazione, welfare, e diritti civili, che ha organizzato l’evento di ieri, nell’ambito del progetto internazionale Erasmus + “IN-EDU – INclusive communities through Media literacy & Critical Thinking EDUcation realizzato con altri 5 partner europei provenienti da Italia, Bulgaria, Francia, Croazia e Slovenia e nato per accrescere la consapevolezza e le capacità di genitori, insegnanti e studenti/studentesse di muoversi tra i contenuti di internet e i social network, potenziando buone pratiche di alfabetizzazione mediatica ed educazione al pensiero critico. Essere in rete significa esporsi a diverse modalità di comunicazione che spesso possono sfociare in un linguaggio violento, che usa l’identità delle persone, la fisicità, per attaccarle.

Le giovani generazioni e gli stessi genitori, non sono preparati all’uso che nel web ed in particolare nei social, può essere fatto di immagini personali e contenuti più o meno privati, da chi malintenzionatamente si presta ad attacchi violenti ed alla divulgazione di contenuti privati. “È davvero importante sottolineare che è riconosciuto come reato anche il far parte di chat o gruppi in cui vengono diffusi contenuti pornografici – ha spiegato Cathy La Torre - come anche è punito non solo chi per primo diffonde questo tipo di materiale, ma anche chi inoltra poi ad altri il contenuto.

Anche la cessione di immagini, in seconda battuta è reato. Il riconoscimento del reato di revenge porn è un monito che serve a mettere in guardia tutti dal non dare spazio anche solo alla curiosità di vedere come funziona una chat del genere. Denunciare poi, da parte di chi è vittima di revenge porn o diffamazione a mezzo web, è importantissimo, oltre che per la propria dignità lesa, anche perché serve a far partire delle indagini necessarie ad avere la misura di un fenomeno che è nuovo ed in continua evoluzione, che va studiato ed approfondito in modo che oltre alla punizione, si possano trovare le modalità per bloccare sul nascere la diffusione di materiali privati e lesivi della persona e controllare i processi che sottendono questo uso del web, per trovare strumenti di tutela per gli utenti. Ad oggi Telegram è il social network più diffuso tra i giovani e giovanissimi/e, permette di essere usato in completo anonimato, senza fornire né dati personali né recapito telefonico.

L’anonimato fa di Telegram terreno fertile per coloro che vogliono scambiarsi materiale pedopornografico o vendicarsi di un ex partner diffondendo immagini private”. Il reato di revenge porn è stato introdotto al fine di contrastare la diffusione di foto e video hard realizzate con il consenso dell’interessato, che vengono divulgate però senza nessuna autorizzazione, andando a ledere la privacy, la reputazione e la dignità della vittima. Il “Codice Rosso” è uno strumento giuridico prezioso, che riconosce finalmente la necessità di tutelare le vittime di violenza su internet e che prevede una reclusione fino a 6 anni e multe da 5mila a 15mila euro. Per maggiori informazioni: https://in-eduproject.eu/index.php

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento