Aprire un franchising in Umbria, ecco cosa c'è da sapere

Per chi desidera aprire una propria attività commerciale, ma con determinate garanzie, il franchising è l'opzione irrinunciabile

Nonostante la crisi economica e l’economia della nostra regione tra le più ristrette d’Italia, ancora molte persone coltivano il sogno di aprire un’attività commerciale in proprio.

Allora, per semplificare la burocrazia e lanciarsi in un’impresa che abbia alcune importanti garanzie in termini di successo, perché non valutare l’apertura di un negozio in franchising?

Oggi esistono franchising per qualunque categoria merceologica: dai più classici di abbigliamento e moda, fino ai ristoranti e caffetterie, passando per i più inconsueti di servizi alla persona e scommesse, vendita di fiori e servizio di poste private. Qualunque sia la vostra passione, esiste un’attività in franchising per voi!

Franchisig: che cos'è e come funziona

Il contratto di franchising è un accordo tra un produttore, che concede la commercializzazione dei propri prodotti a terze persone, nonché l’utilizzo del marchio e dell’insegna, e un rivenditore, ossia l’affiliato. Il primo, franchisor, si impegna nella fornitura di prodotti secondo la quantità richiesta, il franchisee, invece, si obbliga a promuovere ed eseguire le vendita nella zona assegnata, prestare assistenza ai clienti e sottostare alle clausole dettate dal franchisor (regole interne di organizzazione su modalità e prezzo di vendita dei prodotti).

Punti di forza

Il vantaggio nell’avviare un’azienda in franchising riguarda entrambe le parti. Il produttore riesce a programmare la quantità di beni da produrre, a sviluppare una rete di distribuzione senza grandi rischi, a elaborare il piano di mercato dei propri prodotti. Dal canto suo, il rivenditore diventa sì imprenditore indipendente dal punto di vista giuridico ed economico, ma può fare affidamento su un marchio già noto. Il franchisee si presenta al pubblico con la stessa immagine imprenditoriale del produttore del brand.

Costi di avvio di un franchising

Prima di siglare un’affiliazione in franchising, sono da preventivare i costi di start - up. Primo fra tutti l’affitto di locale idoneo, solitamente, infatti, i franchisor richiedono locali costosi, ubicati in centro città o luoghi ad alta frequentazione come centri commerciali e aeroporti. Si susseguono le spese per le attrezzature IT (dotazione informatica e software), per la gestione commerciale e ovviamente per il personale. A queste si aggiungono, solitamente, anche costi fissi, quali diritti d’ingresso o fee periodici, ossia una cifra fissa che l’affiliato versa al momento della stipula del contratto di affiliazione commerciale

Contratto di franchising

Per regolare i rapporti tra affiliato e affiliante interviene il contratto stipulato in forma scritta, che deve espressamente indicare l’ammontare degli investimenti e dei diritti di ingresso, le modalità di calcolo delle royalties, l’eventuale esclusiva territoriale, il know-how (conoscenze pratiche non brevettate derivanti da esperienze pregresse che il franchisor dovrà trasferire all’affiliato), i servizi offerti all’affiliato e le condizioni di rinnovo, risoluzione o cessazione del contratto.

Requisiti e strategie

Per aprire un’attività in franchising occorre innanzitutto avere una predisposizione per il lavoro indipendente, un' idea chiara sul prodotto che si vuole commercializzare e sul tipo di business da avviare. Una volta delineata l’idea, occorre avviare un’indagine di mercato in modo tale da studiare la concorrenza e capire la predisposizione dei potenziali clienti. Individuata la tipologia di franchising da avviare, occorre eseguire una valutazione sulla qualità del franchisor, della sua rete e dei possibili vantaggi economici. Per questo è importante conoscere la forma societaria del franchisor, l’anno di fondazione e di avvio in franchising, il numero dei punti vendita in Italia e all’estero.

Aprire un negozio in franchising in Umbria

In Umbria ciò che “tira” è certamente il settore food. Infatti, con il turismo che accenna a ripartire dopo gli anni bui del post sisma, vale sicuramente la pena puntare su servizi di ristorazione per tutte le tasche. La prima cosa da fare è scegliere un marchio e un budget da cui iniziare. In seguito, è necessario mettersi direttamente in contatto con il franchisor per ottenere maggiori dettagli ed informazioni. Per maggiori informazioni potete visitare i siti web ilTUOFranchising - aprireinFranchising.it o LavoroeFranchising.com, grazie alle pagine personalizzate di ogni marchio è possibile conoscere l’identità di ogni attività e le formule franchising offerte. Capire e conoscere ciò in cui si investe è tutto ciò che serve per aprire un negozio in franchising.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, decine di interventi dopo il temporale della notte: le zone più colpite

  • Anziana morta, il figlio l'ha vegliata per 16 giorni

  • Via Sicilia, malore nella notte in un appartamento: muore 40enne, indagano le forze dell'ordine

  • Neonata prigioniera dell'auto parcheggiata sotto il sole, salvata dai vigili del fuoco

  • Previsioni meteo in Umbria: torna la pioggia, calo delle temperature fino ad otto gradi

  • Inaugurata la storica Latteria di via Baglioni, look nuovo … e sapore d’antico

Torna su
PerugiaToday è in caricamento