menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo slow, nascono i sentieri della Fascia Olivata: patrimonio agricolo mondiale riconosciuto dalla Fao

Paesaggio unico, lungo 90 chilometri, possibile attraversare a piedi o in bicicletta grazie al progetto "I sentieri della Fascia Olivata"

A piedi o in bicicletta, sarà possibile scoprire 90 chilometri di paesaggio unico grazie al progetto I Sentieri della Fascia Olivata ideato dalla società di comunicazione Kolorado, con il finanziamento da parte della Regione Umbria all’interno del bando “Imprese creative”. Il progetto mira alla promozione di millenni di sapere contadino attraverso la mappatura digitale di un itinerario che collega città, paesi, paesaggi e la catalogazione e tutela del patrimonio storico, artistico e ambientale presente lungo la Fascia. Ma non solo. 

Alla base della sua realizzazione anche la volontà di valorizzare e potenziare un tipo di turismo a basso impatto ambientale, legato in maniera indissolubile alla scoperta e alla diffusione della cultura dell’olio extravergine di oliva. Per un totale di oltre 90 chilometri lineari, il percorso collinare dei Sentieri nella Fascia Olivata si compone di cinque tracce principali: Spoleto – Poreta; Poreta – Trevi; Trevi – Sassovivo; Sassovivo – Spello; Spello – Assisi ed ogni traccia gpx è  consultabile e scaricabile gratuitamente nel sito www.sentierinellafasciaolivata.it.

La fascia Olivata comprende un paesaggio unico riconosciuto, primo in Italia, patrimonio agricolo mondiale da parte della FAO. I Sentieri nella fascia Olivata sono anche legati alla figura di San Francesco che fece di un’essenza arborea un simbolo universale di pace. Nei principali luoghi francescani – da San Damiano, convento nato intorno all’oratorio campestre dove San Francesco iniziò la sua vita religiosa, all’eremo delle Carceri, ritiro silvestre del Santo, fino a Santa Maria degli Angeli, dove Francesco fondò il proprio ordine e che custodisce la cappella della Porziuncola e la cappella del Transito, ove San Francesco morì – è sempre possibile rintracciare il legame strettissimo con la pianta dell’olivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento