Nuovo business in Umbria: fondi dalla Regione per distributori pubblici per le auto elettriche

Arrivano i fondi per ampliare la rete di distributori per la ricarica di tutti quei veicoli ad energia elettrica. L'annuncio è stato dato dall'assessore regionale all'ambiente, Fernanda Cecchini, che ha predisposto un pacchetto di sostegno a privati e società pari a circa 360 mila euro.  

Dei finanziamenti potranno beneficiare, previo invio dell’apposita domanda di adesione che a breve sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria, sia soggetti pubblici che soggetti privati, in quanto le risorse a disposizione sarannocripartita in quattro parti: infrastrutture di ricarica pubbliche (40 per cento, pari a 143.358,40 euro), impianti di distribuzione carburante (30 per cento, pari a 107.518,80 euro), infrastrutture di ricariche private accessibili al pubblico (15 per cento, pari a 53.759,40 euro) e infrastrutture di ricariche private (15 per cento, pari a 53.759,40).

Il mercato delle vendite delle automobili elettriche ha fatto segnare nell’ultimo anno un aumento esponenziale: +47,8%. Per una ricarica completa in media ci vogliono 4 ore da colonnina pubblica enel, 8 ore da casa mentre con i nuovi distributori si potrebbe arrivare ad un tempo di 40-60minuti. L'autonomia delle auto completamente elettriche è arrivata ad oggi intorno ai 280 chilometri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento